Febbraio 25, 2024
A ECORANDAGIO ospitiamo e formiamo i giornalisti di domani

Cosa non si farebbe per qualche clic in più. Accade che un museo ha deciso di cambiare genere all’imperatore romano Eliogabalo, ricorrendo ai pronomi she/her (“lei”) e definendolo di fatto “una donna trans”. La notizia viene immediatamente ripresa dalla nostra stampa senza che nessuno verifichi le fonti e in poco tempo ecco fioriscono articoli che citano che diversi storici moderni “identificano” Eliogabalo come transegender. Wikipedia addirittura cita “Eliogabalo è stato spesso descritto dagli scrittori moderni come transgenere, molto probabilmente transessuale.

L’Imperatore Eliogabalo era davvero transgender?

Se andiamo ad approfondire scopriamo però che tutti questi storici e studiosi che avrebbero dichiarato “L’imperatore Eliogabalo era transgender” non esistono. Non vi è traccia dei loro nomi. La stessa Wikipedia (sic) non cita nomi ne fonti. Si limita a citare Harry Benjamin (sessuologo e endocrinologo tedesco) e Louis Godbout che per Wikipedia è un perfetto sconosciuto. Al momento anche dopo accurate ricerche identificare questi numerosi “studiosi moderni” che abbiano definito in modo categorico Eliogabalo come transgender risulta impossibile.

La controversa decisione è stata presa dal North Hertfordshire Museum

“Una scelta appropriata e rispettosa, in retrospettiva, che rispecchia la sensibilità attuale sul tema del gender”, hanno dichiarato al Telegraph i responsabili del museo di Hitchin, vicino a Stevenage, una sessantina di chilometri a nord di Londra.

Ma chi era Eliogabalo?

Eliogabalo nacque con il nome di Varius Avitus Bassianus nel 204 d.C. ed è diventato noto per il suo breve regno durante la dinastia Severa. Salì al trono all’età di 14 anni nel 218 d.C. e il suo regno fu caratterizzato da comportamenti eccentrici, lussuriosi e controversi.

Eliogabalo è particolarmente famoso per le sue azioni insolite e provocatorie, che includevano pratiche religiose eccentriche e la sua identificazione con il dio sole Elagabalo. Introdusse culti stranieri a Roma, cercò di combinare elementi delle religioni orientali con la tradizione romana e provocò così il disappunto di molte persone. Il suo stile di vita lussurioso e la sua gestione controversa portarono a una crescente insoddisfazione tra la popolazione e l’esercito.

Nel 222 d.C., dopo soli quattro anni di regno, Eliogabalo fu assassinato a 18 anni. La sua morte segnò la fine di una delle esperienze più pittoresche e turbolente nella storia imperiale romana.

Le fonti storiche sull’epoca di Eliogabalo sono scarse e spesso di parte, e molti dettagli della sua vita sono aperti a diverse interpretazioni. Alcuni storici moderni potrebbero cercare di analizzare il suo comportamento eccentrico, le sue pratiche religiose insolite e le relazioni con persone di entrambi i sessi per speculare sull’identità di genere di Eliogabalo.

Tuttavia, sarebbe il caso di esercitare cautela nell’applicare categorie contemporanee di identità di genere a contesti storici molto diversi

Le concezioni di genere nell’antica Roma erano significativamente diverse da quelle contemporanee, e il modo in cui le persone esprimevano il loro genere poteva variare notevolmente. In poche parole si tratta di mere speculazioni spesso concepite in mala fede.

E in attesa che wikipedia si sveli i nomi dei “numerosi” scrittori che l’hanno portata a scrivere con “enciclopedica” certezza tali note “folkloristiche” non possiamo che bollare come fake news o peggio, come frettoloso pressappochismo la notizia secondo la quale “l’ Imperatore Eliogabalo era transgender”.

SIC

Giovanni Scafoglio

Leggi anche

Show Full Content
Previous 10 frasi sulle donne da eliminare dal nostro linguaggio per combattere la cultura della violenza sulle donne
Next Sportwashing, come l’Arabia Saudita cerca di ripulirsi l’immagine a suon di dollari
Close

NEXT STORY

Close

De Sica:”Oggi con un cinepanettone andrei in carcere”

Dicembre 15, 2022
Close