Giugno 18, 2024
A ECORANDAGIO ospitiamo e formiamo i giornalisti di domani

Quali sono stai i temi che più hanno appassionato i nostri lettori nel 2023? Va fatta una premessa, la redazione di Ecorandagio non insegue le notizie, ma lavora soprattutto sugli approfondimenti per dar modo ai ragazzi della redazione di poter affinare le proprie capacità di scrittura e allo stesso tempo di dare spunti di riflessione ai nostri lettori. Ecco dunque gli articoli di Ecorandagio più letti nel 2023, dalla guerra in Ucraina a Mahsa Amini, dal politicamente scorretto ai femminicidi, passando per tematiche più leggere.

Decimo articolo di Ecorandagio più letto nel 2023: La vera storia di Biancaneve è truce, amorale e non adatta ai bambini

Una madre che, prima, la partorisce con amore, poi, resa cieca dalla gelosia, ordisce per ucciderla, arrivando a credere di mangiarne cuore e fegato. Bambini resi schiavi, lavoratori in miniera, e un principe gretto e depravato (forse affetto da necrofilia) che anela il suo corpo. Sicuri che leggeremmo questa favola ai nostri figli se dal ‘600 ad oggi questa, come altre favole, non fosse stata riscritta centinaia di volte? Si, la vera storia di Biancaneve è completamente diversa da quella che raccontate ai vostri cari. Una storia frutto di quella che oggi chiamate con disprezzo Politicamente Corretto. Non è buffo? Di Giovanni Scafoglio.

Nono: Arisa sfida Instagram mettendo a nudo il suo lato più “matrimoniale”

Arisa cerca marito e per trovarlo ha deciso di mettere a nudo se stessa. In effetti il suo annuncio matrimoniale alza decisamente l’asticella dell’originalità. L’ultima mossa della cantante è stata quella di provare a sconvolgere sconvolgere la monotonia degli scatti estivi tra selfie in bikini, orge di cibo e tramonti, per presentarsi al mondo con una serie di foto davvero indimenticabili. E no, non state per leggere un articolo su una performance artistica rivoluzionaria, ma su un tentativo tutto suo di “trovare marito”. Di Giovanni Scafoglio.

Ottavo: Il Tanga di Chiara Ferragni e le bambine bacchettone

In una cornice surreale, tra selfie patinati e notizie da far tremare i polsi, il nome di Chiara Ferragni risuona come un’esplosione nella galassia dei social media. Il motivo? Uno scatto in tanga che ha scatenato un turbine di polemiche, considerato da molti come osceno, eccessivo e addirittura pornografico. Ma il fulmine dell’attenzione non si è concentrato solo sulla foto incriminata, bensì sul commento pungente di una bambina di undici anni, che ha sfidato Ferragni, interrogandola sul messaggio che stava veicolando verso i giovani. Di Giovanni Scafoglio.

Settimo: I Pooh hanno fatto crollare Pornhub

Sanremo se n’è andato lasciandoci scandali, denunce e imminenti cambiamenti nei vertici Rai. Oltre a nuove canzoni, ovviamente. Eppure, nonostante tutto questo, l’effetto Sanremo ha toccato anche la famosa piattaforma per adulti Pornhub. E i maggior responsabili sembrano essere i Pooh. Di Francesca Bazzoni.

Sesto: I maranza: chi sono

Il termine “maranza” nasce a Milano negli anni 80, come sinonimo di “tamarro” o “zarro”. Ad oggi, questo termine viene utilizzato, come scrive anche Treccani, per indicare un gruppetto di ragazzi che sono soliti causare fastidi e disagi ad altre persone. Solitamente i maranza ascoltano musica trap e drill, con testi che raccontano proprio fatti che accadono ai margini della città. Di Alexa Panno.

Quinto: Femminicidi in Italia nel 2023. La lista aggiornata con tutti i nomi delle vittime

Un femminicidio è l’omicidio di una donna a causa del suo genere. Il termine deriva dall’unione di “femmina” e “omicidio”, ed è stato coniato per evidenziare la specificità di questi crimini basati sul genere. Rappresenta una tragica manifestazione della violenza di genere che richiede una presa di coscienza e un’azione per combatterla. In questa rubrica la redazione e Paola Aufiero tengono costantemente aggiornato il numero delle vittime

Quarto è: Incidente a Casal Palocco. The Borderline

A giorni di distanza dall’incidente a Casal Palocco tante sono le opinioni sulla vicenda. Mercoledì, 14 Giugno 2023, quattro ragazzi a bordo di un Suv hanno travolto una Smart provocando la morte di un bambino di 5 anni. Gli autori della tragedia sono dei Youtuber, conosciuti sui social come il gruppo “The Borderline”. La loro fonte di guadagno consiste nel lanciare delle sfide online. E nella gran parte dei casi si tratta di challenge pericolose. Questa volta la sfida prevedeva di restare in macchina per 50 ore di fila, condividendo con i propri followers questa folle impresa. Di Emanuela Mostrato

Terzo tra gli articoli più letti è Elly Schlein, non ha mai detto “Bisogna abbracciare prospetti dinamici, che esprimano paradigmi virtuali di impatto permanente e perifrastico

Nel mondo digitale di oggi, la disinformazione può diffondersi come un incendio incontrollabile, minacciando la reputazione e l’integrità delle persone. Un recente esempio di questo fenomeno è rappresentato dalle frasi fake attribuite a Elly Schlein, segretario italiano del Partito Democratico. Articolo a cura di Ginevra Leone.

Secondo articolo più letto è: Masha Amini: un nome, una rivoluzione

Una giornalista iraniana americana del New York Times, Fernaz Fassihi, ha raccolto documentazioni e informazioni circa le numerosissime proteste avvenute nelle città Iraniane. Trovatasi sul posto, nella sua intervista telematica con Michael Barbaro, un altro giornalista del giornale americano, ha potuto dare dettagliate testimonianze. Tra queste, anche per quella che riguarda la morte di Masha Amini, la giovane donna uccisa dalla polizia iraniana, perché non indossava correttamente l’hijab. L’articolo è firmato da Alexa Panno.

L’articolo più letto è: L’Ucraina vieta a tre giornalisti italiani di documentare la guerra perchè accusati di essere spie russe

Guerra in Ucraina la SBU vieta a tre giornalisti italiani il pass. Ad Andrea Sceresini, Alfredo Bosco e Salvatore Garzillo, tre giornalisti italiani, le autorità ucraine hanno impedito di fare il loro lavoro e raccontare il conflitto poichè ritenuti spie russe. Articolo a cura di Giovanni Scafoglio.

Tra gli articoli di Ecorandagio più letti nel 2023 meritano però una menzione speciale quelli scritti negli anni precedenti e che, anche a distanza di molti anni continuano ad essere, in assoluto, tra i più letti del giornale.

Eccoli in ordine dei più letti:

Show Full Content
Previous “Femminicidio” parola dell’anno 2023 per Treccani
Next L’elogio del fallimento
Close

NEXT STORY

Close

Indagine Almalaurea 2023. Mobilità territoriale

Luglio 17, 2023
Close