Aprile 17, 2024
A ECORANDAGIO ospitiamo e formiamo i giornalisti di domani

Sanremo se n’è andato lasciandoci scandali, denunce e imminenti cambiamenti nei vertici Rai. Oltre a nuove canzoni, ovviamente. Eppure, nonostante tutto questo, l’effetto Sanremo ha toccato anche la famosa piattaforma per adulti Pornhub. E i maggior responsabili sembrano essere i Pooh.

Il gruppo italiano Pooh ha esordito negli anni ’60, esplodendo con il brano Piccola Katy e confermandosi con altri brani quali Tanta voglia di lei e Noi due nel mondo e nell’anima. Non sono mancati cambi di formazione fra cui la più famosa rappresentata dall’uscita di Riccardo Fogli aiutato dall’allora compagna Patty Pravo, che a molti ha ricordato l’uscita di John Lennon dai Beatles la cui colpa fu addossata Yoko Ono. Un gruppo italiano famosissimo e di grande successo che ha venduto più di 100 milioni di dischi e che si è presentato al 73° Festival della canzone italiana cantano i loro più grandi successi e dedicando Uomini soli, brano con cui hanno vinto il Festival nel 1990, alla memoria di Stefano D’Orazio, batterista della band scomparso a novembre 2020.

Ma cosa c’entrano i Pooh con Pornhub? E in che senso i Pooh hanno fatto crollare Pornhub? Martedì 7 febbraio, proprio in occasione della prima serata di Sanremo, la piattaforma per adulti ha registrato un calo del 17% mentre Sanremo era visto da 10 milioni e 757 mila spettatori con uno share del 62,4%.

Incredibile risultato per il gruppo italiano Pooh che ha fatto crollare le visite Pornhub proprio durante la loro esibizione a Sanremo.
Andamento del traffico in Italia e in Liguria durante le ore di martedì 7 febbraio.

Non è infatti un mistero che l’edizione di Sanremo del 2023 abbia registrato il più alto numero di share dal 1995, grazie a una programmazione fresca e giovane, colpi di scena e presenze accattivanti quali l’influencer Chiara Ferragni.

Ma se guardiamo attentamente il grafico vediamo che il calo più significativo è stato attorno alle 23 ovvero proprio durante l’esibizione dei Pooh. Per poi risalire poco dopo e tornare ai livelli normali.

I Pooh hanno letteralmente fatto crollare Pornhub!!

Pornhub registra i dati legati a Sanremo dal 2017 e da allora non si era mai verificata una diminuzione degli accessi così significativa. L’anno scorso, nella stessa sera, la perdita di traffico era stata solo del 3,8%. Evidentemente la reunion dello storico gruppo italiano era atteso da molti.

Per cui chapeau a Roby Facchinetti, Dody Battaglia, Red Canzian e Riccardo Fogli e anche ad Amadeus and company che hanno dimostrato che “Sanremo è Sanremo” e che nulla teme, neanche un colosso come Pornhub.

Francesca Bazzoni

Se ti è piaciuto, leggi anche:

Tutti odiano Sanremo tutti guardano Sanremo

Quel che resta di Sanremo sono i bla bla bla

Canzoni per puttane

Ecorandagio è un giornale libero e indipendente, fondato allo scopo di valorizzare i giovani comunicatori del futuro. Ci finanziamo grazie ai proventi delle nostre iniziative editoriali. Scopri la nostra casa editrice! Il Randagio edizioni. Giovanni Scafoglio
Show Full Content
Previous Sentenza Ruby ter facciamo chiarezza sui processi a Berlusconi
Next Prezzo del gas crolla sotto i 50 euro. Risparmi in vista per le famiglie italiane
Close

NEXT STORY

Close

La condivisione della conoscenza

Luglio 13, 2022
Close