Novembre 29, 2022
A ECORANDAGIO ospitiamo e formiamo i giornalisti di domani

Quando si entra a far parte del misterioso mondo dei “grandi”, l’atto di apprendere cambia. Nel senso che l’apprendimento non è più pedagogico, ovvero mirato all’educazione e alla socializzazione della persona. Una volta assorbite le disposizioni necessarie per vivere nell’ambiente circostante, subentra l’apprendimento in età adulta. Quest’ultimo è stato portato alla luce dall’educatore Malcolm Knowles. Massimo esponente dell’approccio andragogico, ovvero del processo di autorealizzazione del singolo attraverso l’esperienza

Cosa caratterizza l’apprendimento andragogico?

Innanzitutto si tratta di un apprendimento del tutto differente da quello pedagogico. Infatti, Knowles vuole evidenziare quanto i bisogni di un adulto siano diversi da quelli di un bambino/adolescente. Sono cinque gli elementi cardine dell’apprendimento adulto:

-bisogno di conoscere

-autonomia

-esperienza

-vita reale

-motivazioni legate all’autostima.

Il bisogno di conoscenza richiama il fatto che l’adulto è disponibile ad apprendere solo se ciò gli consente di superare le sfide della vita reale. L’apprendimento, dunque, deve avere una motivazione valida per l’adulto. Poi, l’autonomia si riferisce appunto alla capacità della persona di gestirsi e di agire in modo indipendente. Per esperienza invece, si intende la capacità di trasformare la conoscenza in qualcosa di pratico e diretto. La vita reale è lo spazio di riferimento dell’adulto, perché è dalla realtà che intende apprendere.

E infine, l’altro punto intorno a cui ruota l’approccio andragogico è la motivazione. Perché gli adulti sono mossi da quelli che Maslow definisce “bisogni di autorealizzazione”. Quando cioè, si ha autostima e consapevolezza delle proprie capacità, subentra la motivazione ad apprendere sempre più. In che modo? Trasformando le proprie conoscenze in esperienza, e quindi in competenza. 

“Apprendere per apprendere” in età adulta

Lo studioso Knowles, esalta particolarmente la motivazione all’apprendimento. In fondo solo se abbiamo degli stimoli intrinseci, siamo disposti ad apprendere. Ma, per avere questi stimoli serve aver ricevuto un buon apprendimento pedagogico. Perché è nell’infanzia e nell’adolescenza che vanno smosse le passioni

Quando si ha consapevolezza di quel che si ama fare o di quel che ci riesce meglio, si ha la motivazione a diventare più abili. Ma non per ricevere un’approvazione esterna, piuttosto per una soddisfazione personale. Si tratta di quello che Maslow definisce “apprendimento del cuore”. Ovvero, un apprendimento intimo, una spinta emotiva verso un mondo che amiamo e che ci fa sentire il bisogno di conoscere

“Le persone sono libere e maturano solo quando si posa su di esse lo sguardo relazionale e non quello prestazionale” (Alessandro D’Avenia).

Apprendere a livello intrinseco, vuol dire “apprendere per apprendere”. Senza fini utilitaristici, ma solo per il bisogno profondo di sapere. E in questo processo di apprendimento adulto è possibile avere esperienze frammentate e non lineari. Così come può capitare di volersi fermare per riconciliarsi con il proprio sé. 

L’adulto può avere momenti di stallo e di crisi. Può capitare di accumulare esperienze non in linea con le proprie attitudini. Ma non importa, l’esperienza è sempre motivo di crescita e di arricchimento. Anzi, per fortificare la propria identità è necessario far fronte alle difficoltà che la vita ci presenta. La vita reale, infatti, è tale perché non risparmia nulla. Ti mette alla prova, ti esorta a riflettere sui problemi. In fondo, apprendere in età adulta, vuol dire anche questo.

Emanuela Mostrato

Se ti è piaciuto, leggi anche:

Essere una Persona Multipotenziale

Quiet Quitting: di cosa si tratta?

Solidarietà verso la Premier Sanna Marin

Dario Fo il Maestro dei Pennelli
 - come il Premio Nobel dipingeva il suo teatro attraverso 70 opere inedite. Il Randagio Edizioni
Show Full Content
Previous Donna vampiro ritrovata in Polonia
Next Perchè la destra italiana non produce artisti?
Close

NEXT STORY

Close

Uscita, voce e lealtà: quale strada scegliere?

Settembre 24, 2022
Close