Marzo 8, 2021
A ECORANDAGIO ospitiamo e formiamo i giornalisti di domani

“Da Lombardo devo ammettere che invidio i napoletani che hanno avuto solo il colera, roba piccola in confronto al Coronavirus”. (21 febbraio 2020)

Cassandra Feltri e la fortuna dei napoletani: stia sicuro che né oggi né mai prenderò in giro un lombardo per aver sofferto a causa del covid 19. 
Ph. Giuseppe d'Anna.
ph. Giuseppe d’Anna

Ricordo che come italiano mi incazzai per quest’affermazione. Così come per tante altre sue ” Come sono lontani quei giorni ora vero? Caro, vecchio, signor Feltri? Per una volta devi dire che ha avuto ragione, PURTROPPO. Cara Cassandra lombarda, quanto invidi ora i colerosi napoletani? Chissà se pensi ancora che…

“Non tutti i mali vengono per nuocere. Il Coronavirus se dilaga in Africa finalmente sarà possibile in Italia chiudere i porti per motivi sanitari senza scomodare il razzismo.” (17 febbraio 2020)

Chissà se sorriderai ancora sardonico affermando:

“Causa Coronavirus la stretta di mano è abolita. Torniamo al saluto romano.” (22 febbraio 2020)

Purtroppo sei stato davvero una Cassandra e il mio cuore è addolorato per i terribili racconti dei miei tanti amici lombardi che hanno imparato ad affrontare un dolore che nessuno, potrà realmente comprendere. Eppure, eccoci quà, nei giorni di fine lockdown, tutti sotto il medesimo cielo a ricostrirci. A ricomporre le fratture che abbiamo dentro. FOrse, come accaduto nel dopoguerra o nei giorni del terrorismo, i giovani scapperanno dalle città funestate, dai ricordi distopici, dalla crisi economica. Si, probabilmente succederà nuovamente, perché le nostre città che erano fino a due mesi fa, per definizione, il luogo della libertà, si sono rivelate grandi carceri. E dalle carceri si evade, potendo!

Cassandra Feltri e la fortuna dei napoletani: stia sicuro che né oggi né mai prenderò in giro un lombardo per aver sofferto a causa del covid 19. 
Ph. Giuseppe d'Anna.
ph. Giuseppe d’Anna

Gli scienziati dicono che il virus in campagna è più debole non solo perché c’è meno contatto sociale, ma perché tira il vento, c’è meno metallo e meno plastica e, se sei vicino al mare, l’aria è carica di iodio. Chissà dove ti sei rintanata in questo periodo Cassandra.


Gente come lei “sig.” Feltri m’ha sempre chiamato coleroso e appestato

prendendomi in giro perché non “usavo il sapone” e chiedendo al Vesuvio di lavarmi con il fuoco. Beh da napoletano devo ammettere che siamo stati fortunati ad aver avuto solo il colera e non il coronavirus, ma stia sicuro che né oggi né in futuro prenderò in giro un lombardo o qualsiasi altro italiano per aver sofferto a causa del covid 19.

Il Coronavirus non ci sta unendo. Ci sta rendendo più distanti.

Perché questo virus non dovrà mai essere associato a un paese o a una nazionalità. Il Coronavirus andrà ricordato come un cancro per l’umanità, l’ennesimo esempio di inettitudine di chi governa il mondo e, soprattutto, un bivio tra un nuovo risorgimento o un nuovo medioevo.

Giovanni Scafoglio

Show Full Content
Previous Trap Veritas: Luup
Next L’internazionalizzazione della Canzone Classica Napoletana
Close

NEXT STORY

Close

Silvia Sasso Lockteen – Vista da dentro

Agosto 12, 2020
Close