Maggio 20, 2024
A ECORANDAGIO ospitiamo e formiamo i giornalisti di domani

In vista della giornata della Terra, il 22 aprile, lancia il progetto ‘Calling In Our Corals’. Il progetto è realizzato in collaborazione con biologi marini per monitorare e proteggere gli ecosistemi negli oceani. Grazie a questo progetto l’Ai di Google salverà le barriere coralline. O almeno questo è il loro intento.

Gli scienziati hanno posizionato microfoni subacquei in 10 barriere coralline

in Australia, Indonesia, Filippine, Stati Uniti, Panama e Svezia, che hanno registrato suoni per 24 ore al giorno Agli utenti viene chiesto di collegarsi ad una piattaforma ad hoc. Da li potranno ascoltare le registrazioni e identificare i suoni prodotti da pesci, gamberi e altre creature marine. Tutto ciò al fine di addestrare l’Intelligenza artificiale come sono composti gli ecosistemi e monitorarli.

“I set di dati audio che ascolterai non sono stati ancora revisionati dagli scienziati – si legge sul sito del progetto – mentre ascolti, i tuoi preziosi clic sull’audio verranno tracciati e inviati ai ricercatori in modo che possano capire se ci sono segni di vita nelle loro registrazioni.

Questo sarà utilizzato per monitorare la salute dell’ecosistema, tracciare la pesca illegale e misurare il successo nei siti di ripristino”. L’Ai di Google salverà le barriere coralline? E’ ciò che ci auguriamo tutti.

Redazione

Leggi anche

Ecorandagio è un giornale libero e indipendente, fondato allo scopo di valorizzare i giovani comunicatori del futuro. Ci finanziamo grazie ai proventi delle nostre iniziative editoriali. Scopri la nostra casa editrice! Il Randagio edizioni. Giovanni Scafoglio
Show Full Content
Previous Toro Scatenato: Scorsese e la battaglia sul ring della vita.
Next Come la cannabis divenne, ingiustamente e per motivi razziali, illegale
Close

NEXT STORY

Close

Da Layla a Wonderful Tonight, dal principio alla fine di un amore per una musa: Pattie Boyd

Aprile 2, 2020
Close