Giugno 18, 2024
A ECORANDAGIO ospitiamo e formiamo i giornalisti di domani

La voce di don Ciotti clonata con l’IA per truffare i malati, è quello che appare in un video lungo poco più di un minuto dove don Luigi Ciotti si lancia in inusuali consigli medici contro reumatismi e dolori articolari, invitando tutti a rivolgersi ad un dottore che lo ha avuto in cura per scoprire fantomatici rimedi alle malattie delle ossa e della pelle. Parole che il sacerdote, però, non hai mai pronunciato e che mai probabilmente si sognerebbe di farlo. Tutto frutto dell’intelligenza artificiale che ha rubato la voce di don Ciotti a fini truffaldini.

Quello che si vede nel video diffuso sui social, infatti, è sì don Ciotti, ma le sue parole – perfettamente sincronizzate con il labiale – sono frutto dell’intelligenza artificiale

A rivelarlo è stato lo stesso fondatore di Libera che ha presentato denuncia alla polizia Postale di Torino per far rimuovere il contenuto dal web.

A ingannare gli spettatori, e magari anche persone malate particolarmente sensibili al tema, non è solo la presenza di don Ciotti in video, ma anche – e soprattutto – la riproduzione fedele della sua voce, in perfetto sincrono con il movimento delle labbra. In realtà quelle immagini risalgono ad una delle tante Giornate nazionali contro la mafia presenziate ogni anno dal sacerdote.

Nel caso specifico il video risale ad una intervista fatta a Tor Vergata il 24 marzo.

“I medici ci nascondono la verità dicendo che i dolori articolari possono essere curati solo con la chirurgia”, sono le prime parole pronunciate dal fake-don Ciotti che poi continua svelando che “le malattie delle articolazioni e delle ossa possono essere curate comodamente da casa”. Alla fine la truffa porta verso l’immancabile “medico onesto” la cui “ricetta innovativa” può essere letta gratuitamente soltanto cliccando su un determinato pulsante, passaggio definitivo per finire nella rete dei truffatori.

Appena intercettato il video, Libera ha pubblicato l’allerta spiegando che “gira sui social un contenuto falso, diffamatorio e ingannevole, generato con intelligenza artificiale, che riproduce don Luigi Ciotti promuovere un prodotto a fini medici e commerciali. Un fatto gravissimo, che abbiamo denunciato alle autorità competenti”. La stessa Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale, riprendendo proprio il caso di don Ciotti, “raccomanda di diffidare da simili messaggi e di non cliccare mai su link di dubbia provenienza”.

Il caso del deepfake del sacerdote antimafia è solo una delle tante truffe che si moltiplicano di giorno in giorno su web e telefonini

Si passa dalle finte telefonate agli spot che utilizzano personaggi famosi del mondo dello spettacolo. Recentemente, per esempio, l’attrice statunitense Scarlett Johansson ha accusato OpenAi, la società che gestisce ChatGpt, di aver utilizzato la sua voce estrapolandola dal film Her (in cui la star prestava proprio la voce ad un’intelligenza artificiale). Prima di lei, un altro divo di Hollywood come Tom Hanks si era ritrovato suo malgrado testimonial di servizi per l’igiene orale. 

La redazione – fonte Ansa

Leggi anche

Show Full Content
Previous Canzoni contro la Chiesa
Next Frankfurter Buchmesse 2024, “all’insegna della libertà e della pluralità” ma alla fiera del libro non ci saranno Giordano, Piccolo, Veronesi, Scurati e Saviano
Close

NEXT STORY

Close

NOI non erano solo canzonette

Luglio 17, 2020
Close