Marzo 1, 2024
A ECORANDAGIO ospitiamo e formiamo i giornalisti di domani

Nuovi strumenti AI generano armi letali a disposizione dei criminali informatici. E’ il caso di  FraudGPT rivelatore di una nuova era nel mondo del Cybercrime. Una vera e propri Intelligenza Criminale creata dall’Ai.

Nel costantemente in espansione mondo dell’ intelligenzaartificiale (IA), un nuovo attore sta emergendo rapidamente, catturando l’attenzione di criminali digitali e ricercatori della sicurezza: FraudGPT. Questo “piccolo” miracolo del dark web e dei canali telegram ha fatto la sua comparsa il 22 luglio scorso, aprendo le porte a una serie di affascinanti opportunità per gli aspiranti truffatori.

L’inventiva criminale di FraudGPT un chatbot cattivo

FraudGPT sta rapidamente guadagnando terreno come una delle risorse più versatili e innovative per coloro che desiderano abbracciare il mondo del crimine digitale. Le sue capacità spaziano dalla creazione su misura di un codice malevolo, alla generazione di email e pagine di phishing incredibilmente realistiche. Fino ad arrivare alla produzione di malware personalizzati e strumenti di hacking sofisticati, e persino alla scoperta di vulnerabilità e falle nei sistemi informatici.

Dietro le Quinte: l’enigmatico CanadianKingpin

L’artefice di questo nuovo entrante nella scena criminale risponde al nome di CanadianKingpin, un individuo dal profilo misterioso che sta gettando le basi per un nuovo capitolo nell’evoluzione del cybercrime. Utilizzare l’Ai per creare intelligenza criminale. Con abbonamenti che variano da un modesto costo mensile di 200 dollari a un investimento annuale di 1700 dollari, sembra che l’ingegno criminale abbia ora un prezzo.

Esempi Concreti: L’impressionante potenziale di FraudGPT

Ai Intelligenza Criminale: armi letali a disposizione dei criminali informatici. E' il caso di  FraudGPT, nuova minaccia del Cybercrime chatgpt, Techneosofia, cybercrime, giovanni scafoglio , phishing, malware

I ricercatori di SlashNext hanno portato alla luce il potenziale di FraudGPT, offrendo uno sguardo pratico su ciò che questo nuovo arrivato nel regno del crimine digitale può fare. In un video condiviso tra gli acquirenti, il bot dimostra senza mezzi termini la sua abilità nel creare non solo email di phishing mirate a istituti bancari di rilievo, ma addirittura nell’identificare siti web vulnerabili ad attacchi di carding – operazioni volte al furto di informazioni finanziarie dalle carte di credito degli utenti.

Prossimi capitoli: L’avanzare di DarkBART e DarkBERT

Ma la storia non finisce qui. La mente dietro FraudGPT sembra già proiettata verso il futuro, con due nuovi attori pronti a entrare in scena: DarkBART e DarkBERT. Il primo rappresenta un’oscura versione di un noto modello di linguaggio, mentre il secondo promette di essere un chatbot superiore, addestrato specificamente nei meandri oscuri del web.

Un mondo in evoluzione: quando l’IA diventa un’arma

In un mondo in costante evoluzione, è chiaro che l’intelligenza artificiale sta compiendo passi da gigante nell’ambito del cybercrime. Mentre gli esperti in sicurezza informatica cercano freneticamente di stare al passo, si può solo immaginare fino a che punto questa corsa all’innovazione criminale possa spingersi quando l’IA diventerà un’arma nelle mani dei criminali digitali. La sfida è aperta, e solo il tempo dirà quale sarà l’entità di questo sviluppo nell’ambito della sicurezza informatica.

Giovanni Scafoglio

Leggi anche

ecorandagio - il randagio edizioni - casa editrice e giornale libero e indipendente fondati da giovanni scafoglio
Show Full Content
Previous 2 agosto 1980 a 43 anni dalla strage neofascista di Bologna
Next La delega fiscale è legge. Ecco come cambiano le tasse
Close

NEXT STORY

Close

Si riprende a viaggiare

Febbraio 1, 2023
Close