Aprile 17, 2024
A ECORANDAGIO ospitiamo e formiamo i giornalisti di domani

Un oscuro e inquietante caso di cronaca nera ha scosso Palermo, gettando luce su un atto di violenza indicibile perpetrato da sette giovani, ora dietro le sbarre. Tuttavia, ciò che è stato rivelato dalle intercettazioni e dalle conversazioni tra i responsabili è ancor più inquietante: una spietatezza senza precedenti e una volontà intimidatoria verso la giovane vittima. Le indagini sullo stupro di gruppo avvenuto a Palermo indicano che non ci sia ne pentimento ne consapevolezza della gravità di quanto accaduto nei carnefici.

La notte fatale e l’indifferenza mostrata

La sera del 7 luglio, una giovane donna di 19 anni è stata oggetto di uno scioccante episodio di stupro di gruppo, perpetrato da sette ragazzi, suoi conoscenti. Tuttavia, le rivelazioni dalle intercettazioni telefoniche dipingono un quadro ancora più sconcertante: dopo aver consumato l’atroce atto, i colpevoli si sono semplicemente recati in una rosticceria per una cena come se nulla fosse, lasciando la vittima abbandonata e inerme.

stupro di gruppo a Palermo: senza rimorso e vergogna

Le conversazioni tra gli arrestati svelano in un modo che lascia sgomenti la loro indifferenza per l’orrore che avevano appena perpetrato. Uno dei giovani ha ammesso senza remore:

«Eravamo 100 cani sopra una gatta, una cosa di questa l’avevo vista solo nei video porno, eravamo troppi, sinceramente mi sono schifiato un po’, ma che dovevo fare? La carne è carne, gliel’ho abbagnato pure io il discorso»

Ciò che emerge è che il principale artefice dell’orribile piano di violenza è Angelo, che aveva già tentato di aggredire sessualmente la vittima in passato. Il fidanzato della giovane donna ha fornito prove che Angelo era al centro del piano e aveva già provato a stuprare la ragazza in precedenza.

La reazione dei carnefici alla denuncia

Le intercettazioni rivelano anche una reazione brutale e minacciosa dei responsabili quando la giovane vittima ha deciso di denunciare l’atroce episodio. Uno dei giovani ha minacciato con ferocia:

«Ti giuro stasera mi giro tutta la via Libertà e mi porto la denuncia nella borsetta… le dico guarda che cosa mi hai fatto e poi le do una testata nel naso… le chiudo le narici con una testata»

Queste parole rivelano una volontà chiara di infliggere punizioni e intimidire la ragazza affinché ritiri la denuncia.

Questo abominevole stupro di gruppo svela dinamiche e mentalità allucinanti

una spietatezza inaudita da parte dei responsabili, una mancanza totale di pentimento o vergogna nei confronti della sofferenza umana e una brutalità senza eguali.

Quella sera, dopo lo stupro, la 19enne si è accasciata a terra, con il cellulare in mano. Qualcuno l’ha raggiunta e l’ha riportata da Angelo: «Gli ho chiesto di chiamare aiuto, ma lui ha risposto che non lo avrebbe fatto perché non voleva che fossero coinvolte le forze dell’ordine. Poi se ne sono andati». A chiamare il 112 sono stati alcuni passanti.

Questo crimine richiama l’attenzione sulla necessità di affrontare il problema allarmante della violenza di genere e di assicurare che le vittime ricevano il sostegno necessario. Si auspica che la legge sia rispettata con la stessa spietatezza, senza sgravi, riti abbreviati o altre concessioni. Non abbiamo bisogno di nuove leggi ma di pene giuste e della certezza che la pena venga scontata.

Francesca Rampazzo

Leggi anche

Show Full Content
Previous “Il mondo al contrario”: il manuale delle paure dei maschi etero secondo il Generale Vannacci
Next Allarme femminicidi, nel 2023 già 70 donne assassinate, 5 negli ultimi giorni
Close

NEXT STORY

Close

La Russia prepara il missile Sarmat: rischio guerra nucleare?

Settembre 3, 2023
Close