Maggio 29, 2024
A ECORANDAGIO ospitiamo e formiamo i giornalisti di domani

Narges Mohammadi – attivista iraniana – non ha potuto ritirare il Premio Nobel per la Pace che le è stato assegnato, perchè imprigionata nel carcere di Evin, in Iran. Narges è stata arrestata 13 volte e condannata cinque volte, per un totale di 31 anni di carcere e 154 frustate.

Il premio è stato ritirato ad Oslo dai due figli diciassettenni di Narges, Kiana and Ali, che hanno letto un messaggio della madre

Shady si rivolge al Governo Italiano e al Parlamento Europeo per liberare Narges e tutte le persone che il regime Iraniano sta detenendo illegalmente e condannando a morte.

il 19 dicembre alle ore 10 Narges Mohammadi verrà nuovamente processata  dal Tribunale Rivoluzionario dopo aver ricevuto il Premio Nobel per la pace. Il 10 dicembre, giorno dell’assegnazione del Premio Nobel per la Pace, Narges è stata convocata nel reparto femminile e, tramite una notifica, è stata informata che il suo processo si sarebbe svolto alle 10 del mattino del 19 dicembre nella Sezione 26 del Tribunale Rivoluzionario.

Per motivi politici e di sicurezza, il processo si terrà in un luogo fuori Teheran. Questa richiesta è avanzata dal Ministero dell’Intelligence. Questo è il terzo processo contro Narges a causa delle sue recenti attività in carcere, tra cui il rilascio di dichiarazioni e la scrittura dei suoi scritti fuori dal carcere, che si terrà presso il Tribunale Rivoluzionario. 

Dal 29 novembre le è proibito ricevere telefonate e visite

“Sono una donna iraniana orgogliosa e onorata di contribuire a questa civiltà, che oggi è vittima dell’oppressione di un regime religioso tirannico e misogino”.

Il 10 dicembre, Narges Mohammadi, attivista iraniana, non ha potuto ritirare il Premio Nobel per la Pace assegnatole “per la sua lotta contro l’oppressione delle donne in Iran e per la sua lotta a favore dei diritti umani e della libertà per tutti”. Non c’era Narges, ma una sedia vuoto a monito della sua assenza e delle tante donne che hanno visto la loro vita sacrificata e negata per la libertà.

La rivoluzione culturale di Narges Mohammadi le ha comportato enormi costi personali, come riferito dal Comitato per il Nobel, l’attivista è stata arrestata 13 volte e condannata cinque volte, per un totale di 31 anni di carcere e 154 frustate.

Narges Mohammadi è ancora imprigionata nel carcere di Evin

In questo momento è in una cella, soffre di gravi patologie cardiache ed è in pericolo di vita. Nonostante ciò, ha iniziato lo sciopero della fame, la sua stessa esistenza è sotto il ricatto di un regime dispotico che le vieta cure adeguate ed ha iniziato lo sciopero della fame.

“La resistenza è viva e la lotta persiste. La resistenza, continua e non violenta, è la nostra strategia migliore. Sono fiduciosa che la luce della libertà e della giustizia risplenderà luminosamente sulla terra d’Iran. In quel momento, festeggeremo la vittoria della democrazia e dei diritti umani sulla tirannia e il totalitarismo e l’inno del trionfo del popolo sulle strade d’Iran risuonerà in tutto il mondo”. Queste sono le sue parole riportate dai figli Kiana e Ali ad Oslo.

Nonostante le violenze e le angherie perpetrate dal regime patriarcale iraniano, il suo grido è riuscito a sfondare le porte e i muri della temibile prigione di Evin in cui è rinchiusa. Nell’ultima lettera recapitataci da Narges Mohammadi, scritta di suo pugno pochi giorni fa l’attivista ci ricorda il suo continuo impegno e sacrificio.

La Premio Nobel per la Pace scrive:

“Un ottavo oppositore appartenente al movimento “Donna, Vita, Libertà”, Milad Zohrehvand, è stato impiccato e il giorno seguente è stato mandato al patibolo un ragazzo di 17 anni. Qualche tempo fa, un altro prigioniero politico di nome Qasem Abeste è stato impiccato nel carcere di Qezelhesar. La macchina delle esecuzioni ha accelerato in tutto il Paese, trasmettendo alla società il messaggio dell’oppressiva Repubblica Islamica: il massacro e le esecuzioni continueranno. Io non la considero altro che una “guerra” del regime con tutti i suoi strumenti di repressione e di morte contro il popolo iraniano oppresso, indifeso e in rivolta.

Queste esecuzioni sono una macchia indelebile per il regime repressivo e renderanno le proteste più intense nel tempo. Ma sono profondamente scioccata per il modo in cui il mondo assiste impassibile al massacro e alle esecuzioni del popolo iraniano. Pensano che le esecuzioni dei giovani della nostra terra sia un fatto scontato in questo angolo dell’Oriente? O forse credono che le condanne a morte siano state eseguite sulla base delle leggi e ordinate da tribunali equi e aperti, dove la difesa dell’imputato è tutelata?

È un grande dolore. Ma sembra che, in assenza delle immagini delle esecuzioni della gioventù oppressa dell’Iran, il mondo rimanga indifferente ormai saturo di immagini.  Che tragica morte è quella nell’oscurità della notte con la chiamata alla preghiera dalla temuta cella di isolamento e con il condannato che cammina verso la forca nella fredda alba autunnale vestito con i leggeri abiti carcerari.  

Un crimine è un crimine. Un massacro è un massacro.  Anche se nessuna bomba è caduta, nessun terribile incendio è divampato, nessun lamento dal petto del condannato ucciso è giunto alle orecchie di qualcuno.

Il regime religioso, con l’inganno e con l’astuzia, replica nelle aule dei tribunali rivoluzionari per mano di giudici complici degli organi militari di sicurezza le regole dei massacri perpetrati sui campi di battaglia dai generali. Queste stragi sono definite in modo grottesco e cerimonioso “applicazione della legge”. Alla fine, il regime iraniano del mondo se ne fa beffe, con i suoi rappresentanti dalle scarpe di vernice nelle sale e nei corridoi delle Nazioni Unite.

Ciò che nel frattempo viene fatto a pezzi è l’“umanità” e nient’altro.

In questo mondo in cui tutto è globalizzato, l’“umanità” è forse un’eccezione? È sufficiente rilasciare una dichiarazione sulla carta? Manca forse la volontà globale di fermare le esecuzioni incessanti e diffuse in tutte le città dell’Iran con scuse infondate, volte solo a intimidire e a terrorizzare il popolo iraniano oppresso e in rivolta?

Chiedo all’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani di intraprendere un’azione urgente e decisiva in nome dell’”umanità” per fermare le esecuzioni in Iran.

Invito il popolo iraniano a non lasciare sole e soli coloro che cercano giustizia e a lasciare che le coscienze vigili siano la voce risonante delle persone condannate a morte e la voce di chi protesta contro le esecuzioni in questa terra martoriata”.

Narges Mohammadi – Novembre 2023 – Carcere di Evin

La Repubblica Islamica dell’Iran non è un attore internazionale con cui dialogare per accordi di pace, accordi economici e commerciali, ma è una dittatura che promuove terrorismo, mafie e guerre

Uniamoci alla richiesta del Premio Nobel per la Pace, Narges Mohammadi. Chiediamo con forza che il Governo Italiano, la Commissione Europea e il Parlamento Europeo si spendano per fermare le esecuzioni in Iran; si impegnino con determinazione affinché il regime iraniano lasci in libertà Narges Mohammadi.

Chiediamo anche che Bahareh Hedayat, Sepideh Qolian, Fatemeh Sepehri, Toomaj Salehi e tutte le donne e gli uomini arrestati per il loro impegno a favore della libertà in Iran siano rilasciati immediatamente e che il regime fermi gli atti persecutori e minatori anche qui in Europa.

“L’indifferenza è il peso morto della storia”, scrive Gramsci, e questa volta la nostra storia la grideremo, per un Oriente pacifico, per un mondo in pace, per la donna, la vita, la libertà.

Movimento italo iraniano Donna Vita Libertà

Riceviamo e condividiamo. Qui il link per firmare la petizione

Leggi anche

Show Full Content
Previous Chi guadagna dalla pandemia e perché si continua a parlare di Covid?
Next Algocrazia: la sfida dell’ia alla libertà individuale
Close

NEXT STORY

Close

La Corea del Sud bandisce la carne di cane

Febbraio 12, 2024
Close