Aprile 17, 2024
A ECORANDAGIO ospitiamo e formiamo i giornalisti di domani

Le intense piogge che si sono abbattute sull’Emilia-Romagna hanno causato gravi allagamenti e la morte di diverse persone. Le province di Bologna e Ravenna sono state le più colpite, con precipitazioni che in alcune zone hanno superato i massimi storici. Ma quali sono le cause delle esondazioni in Emilia Romagna?

Cause principali delle esondazioni

La siccità che ha colpito il Nord Italia, Emilia-Romagna compresa, è stata una delle cause dell’alluvione. Il suolo, infatti, dopo una prolungata carenza d’acqua, è meno in grado di assorbire le precipitazioni. Secondo le misure di Arpae, in vari punti lungo il corso del torrente Senio e del fiume Lamone, sono stati registrati livelli d’acqua «prossimi al massimo misurabile dagli strumenti esistenti».

Le piogge intense sono state un’altra causa dell’alluvione. A San Ruffillo, in provincia di Bologna, sono stati misurati 129 millimetri con tempo di ritorno di 284 anni. A Madonna dei Fornelli, sull’Appennino, sono stati misurati 132 millimetri con tempo di ritorno di 107 anni, mentre a Monte Romano, in provincia di Ravenna e nel bacino del Lamone, 135 millimetri con tempo di ritorno di 47 anni.

Infine, lo stato dei corsi d’acqua e delle strutture che li circondano, a partire dagli argini, è stata l’ultima causa dell’alluvione. In molti punti gli argini dei fiumi non hanno trattenuto l’acqua, provocando inondazioni di campi e strade.

L’importanza della manutenzione degli argini

Gli argini sono progettati per contenere il flusso del fiume entro i suoi limiti e prevenire le esondazioni. Tuttavia, la manutenzione degli argini è essenziale per assicurarsi che funzionino correttamente. La vegetazione può crescere sui lati degli argini e impedire il flusso d’acqua. Inoltre, i materiali di costruzione possono degradarsi e le crepe possono formarsi, compromettendo l’efficacia degli argini. È importante mantenere regolarmente gli argini per garantire la loro integrità e ridurre il rischio di esondazioni.

Ruolo dell’uomo nella prevenzione

L’uomo ha un ruolo cruciale nella prevenzione delle esondazioni. L’adozione di pratiche di conservazione del suolo e di tecniche di gestione del suolo può aiutare a ridurre il rischio di erosione del suolo e a prevenire le inondazioni. Inoltre, la costruzione di argini e la loro manutenzione regolare possono aiutare a contenere il flusso del fiume e prevenire le esondazioni. Tuttavia, l’attenzione e la cura dell’uomo nei confronti dell’ambiente e della manutenzione degli argini sono essenziali per prevenire il rischio di esondazioni e ridurre gli effetti dannosi.

Animali e fiumi che esondano non possono essere una scusa

È importante ricordare che nonostante gli animali e i fiumi che esondano siano una parte naturale del nostro ecosistema, non possono essere usati come una scusa per le alluvioni e gli allagamenti che causano danni alle persone e alle proprietà. È fondamentale che l’uomo si impegni nella manutenzione degli argini e nella prevenzione di tali disastri naturali, in modo da proteggere se stesso e l’ambiente circostante. Solo attraverso un’azione umana responsabile e sostenibile possiamo mantenere un equilibrio tra la natura e la società in cui viviamo.

Lucio Russo

Leggi anche

Ecorandagio è un giornale libero e indipendente, fondato allo scopo di valorizzare i giovani comunicatori del futuro. Ci finanziamo grazie ai proventi delle nostre iniziative editoriali. Scopri la nostra casa editrice! Il Randagio edizioni. Giovanni Scafoglio
Show Full Content
Previous Maltempo in Emilia Romagna: 5 morti e una donna tedesca trovata senza vita sulla spiaggia di Cesenatico
Next La Bottega Gatti di Faenza colpita dall’alluvione: distrutta la collezione dei libri d’arte
Close

NEXT STORY

Close

Tutti i segreti del nuovo algoritmo di Facebook e Instagram

Agosto 24, 2023
Close