Maggio 29, 2024
A ECORANDAGIO ospitiamo e formiamo i giornalisti di domani


La città di Milano è stata scossa da un evento vergognoso che ha trovato impreparato l’ordine pubblico e gettato una luce sinistra sull’oscurità che a volte si nasconde dietro l’entusiasmo per il calcio. La notte scorsa, nel suggestivo quartiere dei Navigli, si è verificata una violenta rissa tra i tifosi del Milan e del Paris Saint-Germain, che ha avuto risvolti tragici e ha generato una serie di interrogativi sulla sicurezza e sul comportamento umano. Quello che è accaduto a Milano tra tifosi del Milan e del PSG è vergognoso.

La rissa a Milano tra tifosi del Milan e Psg

La rissa è iniziata quando un gruppo di circa cinquanta tifosi del Milan ha affrontato i sostenitori del PSG, giunti a Milano per assistere alla partita di Champions League tra le due squadre. La tensione era palpabile fin dall’inizio, ma nessuno avrebbe potuto prevedere la violenza che ne sarebbe scaturita.

Le testimonianze oculari raccontano di calci, pugni e oggetti contundenti lanciati in mezzo alla folla. Spettatori innocenti nei locali circostanti sono stati costretti a fuggire per evitare di essere coinvolti in questa ondata di violenza. Il quartiere dei Navigli, solitamente noto per la sua atmosfera gioiosa e festosa, si è improvvisamente trasformato in un campo di battaglia urbano.

Il ferimento del tifoso del PSG

In mezzo al caos, un tifoso del PSG, un cittadino francese di 34 anni, è stato colpito da due coltellate, una alla testa e una alla gamba. Le ferite erano così gravi che è stato necessario trasportarlo in codice rosso all’ospedale Policlinico di Milano. Attualmente, l’uomo si trova in condizioni gravi e i medici stanno lottando per salvarlo. Mentre i soccorsi cercavano di stabilizzare la vittima, la rissa tra i tifosi è proseguita, mettendo ulteriormente a rischio la sicurezza pubblica nella zona.

Intervento delle forze dell’ordine

La Questura di Milano ha reagito prontamente, schierando le forze dell’ordine per riportare la situazione alla normalità. La polizia ha arrestato e identificato 73 cittadini francesi, tutti sospettati di essere tifosi del PSG. Tuttavia, poco dopo la mezzanotte, un gruppo di circa cinquanta tifosi del Milan si è unito alla contesa, dando vita a una serie di azioni violente prima di fuggire in via Argelati.

Per ripristinare l’ordine, le forze dell’ordine hanno dovuto utilizzare “cariche di alleggerimento” contro i sostenitori del PSG. Durante questi momenti di tensione, un poliziotto è stato colpito a una gamba da un oggetto contundente, riportando una ferita lacero-contusa. Un altro agente è stato colpito da un oggetto, riportando una ferita al labbro. Il responsabile di quest’ultimo attacco è stato immediatamente arrestato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.

Altre tensioni e interventi delle forze dell’ordine

Poco dopo l’una di notte, una volante è intervenuta in via Paolo Sarpi per una lite tra 15 tifosi del PSG e 10 cittadini cinesi. Fortunatamente, la situazione non ha causato danni materiali e le forze dell’ordine sono riuscite a sedare la lite senza la necessità di assistenza sanitaria da parte del 118.

Verso le due di notte, una volante è intervenuta presso un ostello di via Regina Margherita, dove alloggiavano alcuni supporter francesi. Uno di loro, un giovane di 28 anni, presentava una ferita lacero-contusa alla testa. L’uomo ha riferito ai poliziotti di essere stato colpito alcune ore prima in zona Darsena ed è stato trasportato in codice verde all’ospedale Fatebenefratelli.

Il lato oscuro del calcio che poi tanto oscuro non è

Questi eventi, purtroppo, rappresentano un lato oscuro del mondo del calcio. Mentre il calcio dovrebbe essere un veicolo di gioia, passione e unità, situazioni come queste svelano un lato più sinistro. Questi atti di violenza non hanno nulla a che fare con lo spirito sportivo; sono vigliacchi e criminali, rappresentando un attacco alla sicurezza pubblica e all’immagine della città di Milano.

La città di Milano, con la sua storia ricca e la sua cultura vibrante, non merita di essere associata a episodi così tristi e devastanti.

La necessità di azioni concrete

Ora, la domanda che si pongono molti cittadini è: quando il governo e le istituzioni prenderanno azioni concrete per affrontare questo problema in modo definitivo? È evidente che sono necessarie leggi e azioni adeguate per garantire la sicurezza nei luoghi pubblici e durante gli eventi sportivi. Solo attraverso un impegno deciso da parte delle autorità si potrà sperare di prevenire futuri episodi di violenza di questo genere.

La violenza legata al calcio è un problema diffuso in tutto il mondo e non è una questione che può essere risolta da un giorno all’altro. Tuttavia, è fondamentale che venga affrontata con determinazione, affinché le famiglie e gli appassionati di calcio possano godere di questo sport senza il timore di diventare vittime di atti violenti.

La notte di terrore nei Navigli di Milano rappresenta un triste e oscuro capitolo nella storia del calcio e della città stessa. Questi episodi di violenza svelano una brutta verità sulla società e la necessità urgente di adottare misure concrete per prevenire simili tragedie in futuro.

La città di Milano lo merita, come tutto io Paese.

Cristina Ferrari

Leggi anche

Show Full Content
Previous Fine lavoro mai per i Millenials. Il governo Meloni rende la pensione anticipata un lusso da ricchi
Next Meloni-Rama e l’accordo commerciale sul giro di vite dei migranti
Close

NEXT STORY

Close

Cilento Music Festival 2021 a Paestum

Settembre 13, 2021
Close