Maggio 29, 2024
A ECORANDAGIO ospitiamo e formiamo i giornalisti di domani

Con una proposta di Decreto legge che definire vergognosa è riduttivo, il Governo vuole chiedere cinquemila euro ai richiedenti asilo per scongiurare la detenzione in un Cpr. Un vero e proprio “pizzo di Stato”, un ricatto messo in atto dal Ministero dell’Interno ai danni di chi quotidianamente sbarca sulle coste del nostro paese in condizioni disumane.

Cinquemila euro per restare in Italia

L’ennesima beffa ai danni di chi – come ormai sappiamo tutti, senza nasconderci dietro un dito- per affrontare la traversata dall’Africa all’Italia ha dovuto vendere tutto, perfino la propria dignità, in cambio anche della sola speranza di raggiungere un paese nel quale cercare di trovare una situazione differente rispetto a ciò che si lascia alle spalle. Negli ultimi dieci anni abbiamo assistito spesso alle prese di posizione dell’Italia in merito alla questione migranti,  dalla definizione di taxi del mare in riferimento ai gommoni di fortuna, fino alla sovvenzione da parte dell’Italia alle carceri libiche per impedire alle persone di imbarcarsi per raggiungere la costa siciliana. L’ultima di qualche settimana fa era di costruire un’isola artificiale (tipo Alcatraz) affinchè i malcapitati potessero essere accolti (rinchiusi), ed ora anche il dazio/pizzo per evitare i Cpr.

Il “pizzo di Stato” chiesto ai migranti

Nel decreto si parla di una garanzia finanziaria da 4.938 euro da versare per evitare la permanenza nel Cpr. La somma dovrà essere versata in un’unica soluzione mediante fideiussione bancaria o polizza fideiussoria assicurativa. E’ individuale e non può essere versata da terzi. Tale “polizza” ha una valenza di quattro settimane e garantisce i mezzi minimi di sussistenza necessari a persona.

Praticamente un pacchetto vacanze. Perché è questo che ancora vogliono far credere,che i disperati che arrivano in Italia dalle coste africane, vengono qui per farsi una vacanza. E se non paghi, ti mettiamo in un Cpr, acronimo che ha cambiato faccia negli anni, come spiegato qui, ma che di fatto è un centro di raggruppamento umano. Chiedere a delle persone che hanno dato tutto, un pagamento di 5.000 euro in una sola soluzione e senza la possibilità che tale somma possa essere versata da terzi, non è solo uno schiaffo ma una vergogna della quale il nostro paese non ha paura di macchiarsi. Il Governo parla di numeri allarmanti, in tv vediamo l’isola di Lampedusa al collasso, ma solo perché è ciò che vogliono farci vedere. Si vuole creare esasperazione e malcontento, come? con le bugie!

Facciamo i conti

Nel Marzo scorso il Ministro Lollobrigida ha dichiarato che l’Italia ha una carenza di manodopera pari a 500.000 unità. Un numero simile è stato stimato per l’idoneità da parte del nostro paese per la gestione del flusso migratorio. Da una stima recente si calcola che se l’emergenza di flussi migratori dovesse raggiungere la vetta massima, ci sarebbero 150.000 persone che sbarcano in Italia. Quasi un terzo della disponibilità dichiarata da Lollobrigida. Se questi 150.000 li andiamo a disporre per regione, diventano 7.500 che divisi per singolo comune presente in Italia fa 19 persone per comune. È ovvio che però se questi ipotetici 150.000 me li lasci tutti nel Cpr di Lampedusa che conta una capienza esigua, o vengono dislocati in altri centri di una, due regioni, si crea una situazione di collasso. E se invece, con i conti appena fatti, non si pensasse di integrare queste persone? 19 richiedenti asilo per comune, contando magari anche i borghi semi disabitati, non sono certo la fiumana distruttiva che porta via lavoro e serenità alle Italiche famigliole. Purtroppo siamo in balìa di una politica troppo  dedita all’auoterotismo del potere e dell’avidità, che pensa a trarre guadagno da chi ha perso tutto.

Paola Aufiero

Leggi anche

Il Randagio Open call, la chiamata alle arti per fotografi e artisti. Lilin, Dario Fo, Mirko Viglino, Giovanni Scafoglio, Fotografia

Scopri il catalogo de Il Randagio Edizioni

Show Full Content
Previous Altro che Elodie. Ecco le copertine più erotiche della storia della musica
Next Elodie nuda? Un problema solo perché donna
Close

NEXT STORY

Close

A Roma inaugura la più grande mostra mai dedicata a Tolkien in papà de Il Signore degli Anelli

Novembre 15, 2023
Close