Settembre 27, 2021
A ECORANDAGIO ospitiamo e formiamo i giornalisti di domani

Torna dal 14 al 18 ottobre la XXXIII edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino, dal titolo Vita Supernova. Da David Quammen a Valerie Perrin, da Jeff Kinney a Sfefania Auci.

Vita Supernova. Il tema del Salone del libro di Torino

Il Salone Internazionale del Libro di Torino torna con la sua XXXIII edizione – Vita Supernova – in presenza, dal 14 al 18 ottobre 2021, a Lingotto Fiere. Nel settecentesimo anniversario dantesco e dopo un anno e mezzo senza precedenti nella storia contemporanea, il Salone torna ad accogliere grandi nomi della scena culturale mondiale per ripartire ragionando insieme sulla nuova vita che ci aspetta. E così la città di Torino torna a essere per cinque giorni una delle capitali mondiali della cultura, senza avere mai perso il rapporto con la comunità di lettori, editori, scuole del Salone, ma potendo finalmente ritrovarsi fisicamente.

Durante la pandemia il libro ha rappresentato un rifugio, una consolazione, una compagnia

una fonte fondamentale di complessità e coinvolgimento emotivo per tantissimi italiani. Istituzioni culturali come il Salone del Libro hanno la capacità di costruire intorno a loro una grande comunità, che ha saputo restare unita anche quando ci si poteva incontrare solo virtualmente, ed è proprio questa dimensione comunitaria che il Salone deve e vuole ritrovare e riscoprire. Per questo, il Salone ha convocato ancora una volta a Torino tutto il mondo della lettura e la risposta è stata davvero importante: gli editori saranno nuovamente presenti con i loro stand e con i loro più importanti autori, per dare vita a uno dei Saloni più interessanti di sempre.

Il tema: Vita Supernova

Torna dal 14 al 18 ottobre la XXXIII edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino, dal titolo Vita Supernova. Sosteniamo i libri!

La supernova è un’esplosione stellare di enorme potenza: con la sua luce può illuminare ciò che altrimenti resterebbe al buio, ma la sua energia ha anche una forza distruttiva. Come sarà il pianeta con cui stiamo ricominciando a prendere confidenza dopo un periodo che fino a pochi anni fa sarebbe stato inimmaginabile? Saremo capaci di sciogliere tutta una serie di nodi, remoti e recenti, o ci troveremo di fronte a una moltiplicazione di nuovi problemi? Il Salone convoca come sempre alcune delle più belle menti sparse in giro per il mondo, ma lo fa in una situazione completamente diversa da ciò che ci si sarebbe potuti aspettare un anno e mezzo fa. Tutela dell’ambiente, biodiversità, tenuta delle democrazie liberali in un mondo sempre più complesso, ricostruzione economica e giustizia sociale, il rapporto tra individuo e comunità, tra malattia e cura, tra vita e morte (e possibili, improvvise rinascite), la relazione con la scienza e con la tecnologia, le questioni di genere, i diritti delle minoranze, la libertà espressiva, il modo in cui l’Italia e l’Europa stanno ridefinendo il proprio ruolo e la propria identità in uno scacchiere mondiale in rapida trasformazione.

Questi saranno alcuni dei temi del Salone. Ma soprattutto: cosa ci è successo? Cosa sta davvero accadendo al nostro mondo interiore? Come cambiano i rapporti tra di noi? Chi si occupa di letteratura, chi scrive romanzi e poesie si interroga da sempre su questi temi, ne sa di solito di più dell’epoca in cui vive.

Scopri il programma completo nel sito

I numeri del Salone Internazionale del Libro di Torino

– 144.386 visitatori
– 2.493 giornalisti
– 1.363 eventi in fiera
– 1.200 espositori
– 30 Paesi presenti
– 33 edizioni

Leggi anche:

Morte di un fasciocomunista, si è spento Antonio Pennacchi

Italia allarme analfabeti, la metà degli italiani non comprende ciò che legge

Show Full Content
Previous Afghanistan un terrorista al capo del governo talebano
Next Cilento Music Festival 2021 a Paestum
Close

NEXT STORY

Close

Coronavirus: “Dovremo stare a casa anche l’1 maggio”.

Aprile 3, 2020
Close