Settembre 27, 2021
A ECORANDAGIO ospitiamo e formiamo i giornalisti di domani

Riceviamo e pubblichiamo

Le donne e gli uomini che si riconoscono nella rete di advocacy dei diritti dei migranti GREI250 hanno appreso della grave perdita avvenuta con la scomparsa di Gino Strada, fondatore di Emergency e particolarmente impegnato nella difesa dei diritti più elementari, la vita e la salute, di donne uomini e bambini che in ogni parte del mondo (e anche in Italia) vivevano una situazione di profonda difficoltà o erano vittime di guerre e violenze indiscriminate. Gino Strada si stava dedicando in queste ore e lo ha fatto fino agli ultimi istanti della sua vita, alla situazione che l’Afghanistan sta nuovamente vivendo ripiombando nella più crudele violenza talebana. Le donne e gli uomini di Grei250 chiedono alla società civile e al Governo italiano di onorare la sua memoria, sospendendo i rimpatri forzati in quel paese di richiedenti asilo denegati e migranti irregolari, come le ong operanti in quel paese e lo stesso governo afgano hanno richiesto. Chiediamo inoltre di prevedere l’avvio immediato di un programma di reinsediamento verso l’Italia e la predisposizione di corridoi umanitari con priorità nei confronti di coloro che hanno collaborato con le attività svolte dall’italia in Afganistan e per i loro familiari, ma non limitato ad essi.
Inoltre, esprimiamo la nostra vicinanza e il nostro affetto a Cecilia Strada, impegnata in queste stesse ore a bordo della Resq people saving people nel salvataggio nel mare Mediterraneo di naufraghi, donne uomini e bambini fuggiti da condizioni di sofferenza e violenza altrettanto feroci , nell’unico modo in cui o si possa fare: consentendo alle navi delle ong bloccate nei porti italiani per motivi amministrativi, di contribuire a salvare vite umane, lasciando ad un momento successivo allo sbarco in un porto sicuro la decisione sul loro status giuridico e sulle misure di accoglienza, relocation o rimpatrio da prendere. Grei250 invita le organizzazioni e le reti di advocacy, le organizzazioni religiose e le comunità di fede, le organizzazioni politiche e sociali, le Università e le associazioni culturali che condividano tali sentimenti e tali opzioni a far sentire la loro voce a parlamentari, policy makers, responsabili di organizzazioni della società civile e stakeholder, nel più breve tempo possibile, trasformando questi giorni di lutto e cristiane festività in giorni di solidarietà e umana compassione, per Gino Strada, per le vittime in Afghanistan e i naufraghi del mediterraneo .

Per contatti_/info
Comunicazioni@grei250.it
3356804499
www.grei250.it
Fb @grei250.it

Show Full Content
Previous E’ morto Gino Strada, l’uomo che ha curato 11 milioni di persone nel mondo.
Next Italia allarme analfabeti, la metà degli italiani non comprende ciò che legge
Close

NEXT STORY

Close

I DPCM cambiano, la didattica a distanza resta.

Dicembre 11, 2020
Close