Settembre 27, 2021
A ECORANDAGIO ospitiamo e formiamo i giornalisti di domani

Nato negli Usa nel 2020, in piena pandemia da Covid-19, Clubhouse è arrivato in Italia solo a fine Gennaio. Il suo rapido sviluppo si deve sia al particolare periodo che abbiamo vissuto, in cui il desiderio di rimanere in contatto era molto alto, ma anche agli ingenti investimenti ricevuti, subito un grande boom, oggi dopo un apparente calo, eccolo tornare in auge con il dato di ben 600.000 stanze di discussione aperte ogni giorno nel mondo. Ed è in questa prospettiva che va inquadrata l’iniziativa del più importante club italiano di Clubhouse dedicato all’arte, alla cultura e al turismo: Culturaitalia che per primo in Italia ha organizzato un meeting nazionale in presenza.

Settanta delegati da tutta Italia ma anche dalla Germania e dalla Corea in rappresentanza di 6000 soci per il meeting di CulturaItalia Clubhouse

Si sono incontrati il 25 luglio nella splendida cornice di Cortona, per poter discutere del futuro della cultura e del turismo nel nostro Paese. Un momento fondamentale per dare un sorriso, uno sguardo e un corpo a una voce, ma anche per diversi momenti culturali.

Da clubhouse alla visita guidata al MAEC di Cortona

E' Culturaitalia il primo club italiano a organizzare un raduno nazionale su Clubhouse: il meeting si è svolto nel bel borgo di Cortona
Foto di Lucio Russo

Il Museo dell’Accademia Etrusca e della Città di Cortona è stata la prima tappa del raduno, i membri di Culturaitalia hanno così potuto ammirare dal vivo le antiche collezioni settecentesche dell’Accademia Etrusca come il lampadario etrusco, la sezione egizia, la biblioteca storica e le opere di Gino Severini con i più recenti rinvenimenti archeologici che illustrano la storia di Cortona. Tra questi spiccano la “Tabula Cortonensis” e i corredi delle tombe dei circoli del Sodo.

Seconda tappa: il parco archeologico

presso il sito sono visitabili i tumuli etruschi di età arcaica, tra questi spicca il tumulo II del Sodo, con la spettacolare gradinata-terrazza decorata da gruppi scultorei ed elementi architettonici di stile orientalizzante. Ed è tra tutta questa arte persi tra vestigie antiche è apparda quasi una magia che prendessero vita, quasi come se la tecnologia divenisse magia, le famose “Room” di Clubhouse a colorare il parco archeologico di sfumature artistiche di ogni tipo, suono e lingua.

I social possono essere uno strumento per la diffusione della cultura e del turismo?

Da Clubhouse a Cortona attraverso Culturaitalia

Culturaitalia ha dato un primo forte segnale con questo raduno organizzato anche grazie allo sponsor tecnico di Brainmatching. Il 25 luglio è stata l’occasione di creare sodalizi nazionali e internazionali, approfondimenti, progetti di start-up e accessibilità, ricerche sulle esigenze del settore in un periodo ancora non facile e ricco di ombre e ancora poca luce. Ma se c’è un modo per uscire da questo guado così angusto è attraverso un uso consapevole e strategico dei social. Per certi versi, Clubhouse in testa

Leggi anche

Culturaitalia: riparte la cultura

Clubhouse estetica in secondo piano

Show Full Content
Previous la piazza in PIAZZA di Ilaria Di Giustili
Next Morte di un fasciocomunista, si è spento Antonio Pennacchi
Close

NEXT STORY

Close

Villa Pignatelli, la casa dei due musei

Luglio 14, 2020
Close