Dicembre 2, 2022
A ECORANDAGIO ospitiamo e formiamo i giornalisti di domani

Una nuova vittima si aggiunge all’elenco di giovani donne che stanno perdendo la vita in Iran. Si tratta di una ragazza di 17 anni uccisa in Iran durante le proteste, la famiglia ha ritrovato il cadavere dieci giorni dopo. Inoltre gli stessi familiari hanno denunciato che le forze di sicurezza hanno rubato il corpo per seppellirla segretamente in un villaggio.

Nika Shakarami era scomparsa il 20 settembre dopo aver preso parte alle proteste in memoria di Mahsa a Teheran

Nel suo ultimo messaggio a un’amica aveva detto di essere inseguita dalle forze di sicurezza, ha raccontato una zia, Atash, a Bbc Persian. Dopo 10 giorni il corpo è stato ritrovato in un obitorio di un centro di detenzione della capitale. “Quando siamo andati a identificarla, non ci hanno permesso di vedere il suo corpo, solo il suo viso per alcuni secondi“, ha raccontato la zia.

La famiglia di Nika ha quindi trasferito il suo corpo nella città natale del padre, Khorramabad, nella parte occidentale del paese, domenica, in quello che sarebbe stato il suo 17esimo compleanno.

A quel punto, ha riferito una fonte, le forze di sicurezza hanno intimato i familiari di non tenere una cerimonia funebre, ma nonostante le rassicurazioni, hanno “rubato” il corpo per seppellirlo in un altro villaggio, Veysian, a 40 km di distanza. Ed hanno arrestato la zia, minacciando di ucciderla se il resto della famiglia avesse partecipato alle proteste.

Centinaia di manifestanti si sono radunati comunque nel cimitero di Khorramabad e hanno cantato slogan contro il governo.

Francesca Rampazzo

Leggi anche

ecorandagio è una testata libera e indipendente che si sostiene grazie ai libri pubblicati da IL RANDAGIO EDIZIONI di GIovanni Scafoglio
Show Full Content
Previous Nuova alba per i western?
Next Arte e potere. In dialogo con Federico da Montefeltro
Close

NEXT STORY

Close

Nonni e nipoti

Febbraio 7, 2021
Close