Novembre 29, 2022
A ECORANDAGIO ospitiamo e formiamo i giornalisti di domani

Abbiamo sempre parlato di app come immuni come potenziale pericolo per la democrazia. Bene, se in Italia ciò poteva apparire come argomento per “complottolighi” in Cina è stata appena utilizzata per bloccare manifestanti e conti corrente.

La politica Covid-zero del presidente cinese Xi Jinping poggia su un’app che 1,4 miliardi di cittadini hanno scaricato sul proprio cellulare

La app funziona come un semaforo, attraverso i colori rosso e verde blocca o dà il via libera agli spostamenti. Ogni persona in questo modo è legata ad un codice unico identificativo che permette di tracciare i suoi movimenti e il suo stato, obbligandola a effettuare tamponi se richiesto dalla pubblica amministrazione.

In pratica delle vere e proprie manette digitali

Secondo quanto scrive il Financial Times, che vi ha dedicato un’inchiesta, l’app Covid-zero in questione in realtà è usata a più ampio raggio per controllare la vita dei cinesi, ed è stata già ribattezzata “le nuove manette digitali”. Questo, anche se il governo insiste che l’applicazione serve ad uso puramente sanitario per capire come si muove il contagio da Covid. Per esempio non si possono acquistare medicine senza passare dalla registrazione del codice personale Id in farmacia. E se l’app emette un disco rosso, i medicinali non vengono venduti.

Capita così che, a causa di indagini su presunte frodi bancaria i conti correnti dei risparmiatori vengono congelati e le proteste furiose bloccate preventivamente grazie alla app anti-covid

I risparmiatori, vittime di una vera e propria frode bancaria, si sono presentati domenica davanti ad una delle filiali con striscioni e ritratti di Mao Zedong, che compaiono in memoria dei tempi della “purezza rivoluzionaria” quando oggi si vuole denunciare un caso di corruzione pubblica. Inizialmente la Polizia li ha soltanto ammoniti, ordinando loro di rientrare in casa. Dopo che le persone hanno continuato a protestare, però, la reazione è diventata violenta. Un numeroso gruppo di uomini, vestiti in camicia o maglietta bianca, nella notte hanno infatti caricato e bastonato i presenti, costringendoli a smettere di fare sentire le proprie ragioni. I risparmiatori dunque al momento restano senza soldi, coi conti congelati.

L’app di tracciamento Covid è stata poi utilizzata per impedire una ulteriore protesta

Per i manifestanti è scattato l’isolamento immediato per 14 giorni. Il sospetto è che le autorità di Henan abbiano abusato del sistema di tracciamento covid per evitare potenziali disordini. Lo scandalo infatti ha coinvolto centinaia di migliaia di persone: si ritiene che siano stati congelati più di 39 miliardi di yuan, circa sei miliardi di dollari.

App anti-Covid blocca manifestanti e conti corrente il caso di Tom Zhang

Proprietario di un’azienda tessile nella provincia orientale dello Zhejiang, Tom Zhang è stato fermato dalla polizia di Zhengzhou e trattenuto in una biblioteca locale per circa 12 ore. Ha visto il codice della sua app diventare rossa mentre era su un treno proveniente da una città dove non c’erano stati casi di positività. “Il codice rosso è stato sicuramente utilizzato per limitare noi correntisti”, ha detto il signor Zhang in un’intervista. Lui e altri centinaia di risparmiatori avevano pianificato di presentare un reclamo all’autorità di regolamentazione bancaria della provincia di Henan lunedì 13 giugno, dopo essere stati incapaci di ritirare i loro soldi per mesi. Mentre si dirigeva verso l’aeroporto, il suo codice sanitario è diventato improvvisamente verde.

Francesca Rampazzo

Se ti è piaciuto Cina, l’app anti-Covid blocca manifestanti e conti corrente, leggi anche:

ecorandagio è una testata libera e indipendente che si sostiene grazie ai libri pubblicati da IL RANDAGIO EDIZIONI di GIovanni Scafoglio
Show Full Content
Previous L’ARTE INQUIETA. L’urgenza della creazione, 140 opere da Paul Klee ad Anselm Kiefer a Palazzo Magnani
Next Inedito Paz, ritrovato un murale di Andrea Pazienza
Close

NEXT STORY

Close

E se vaccinare i giovani con AstraZeneca e Johnson & Johnson fosse un errore?

Giugno 9, 2021
Close