Giugno 18, 2024
A ECORANDAGIO ospitiamo e formiamo i giornalisti di domani

Il 22 maggio 2024, durante la 77ª Assemblea Generale della Conferenza Episcopale Italiana, Papa Francesco ha discusso con i vescovi italiani su vari temi, tra cui l’omosessualità nei seminari. In questo incontro a porte chiuse, il Papa ha espresso preoccupazione per la presenza di omosessuali nei seminari, utilizzando il termine “troppa frociaggine” per descrivere la situazione. La frase ha subito scatenato forti reazioni e critiche da parte dei media e dell’opinione pubblica​. Dal punti di vista della comunicazione un danno terribile. Ci si chiede a questo punto dove sono le comunità lgbtqia+, dov’è certa sinistra che ha eletto il Papa a paladino dei diritti Gay? Come mai tutto tace? Perché nessuno ricorda al Papa, ad esempio, che se essere “froci” non è ne un peccato ne un reato, mentre essere pedofili lo è?

Papa Francesco ha ribadito l’importanza di un “attento discernimento” per chi desidera entrare nei seminari

Sottolineando che anche un minimo dubbio sull’omosessualità dovrebbe essere motivo sufficiente per escludere un candidato. Questa posizione è in linea con la Ratio Fundamentalis del 2006, che vieta l’ammissione ai seminari di individui che praticano atti omosessuali o che hanno tendenze omosessuali profondamente radicate​.

Le critiche si sono concentrate principalmente sull’uso del termine “frociaggine”, considerato altamente offensivo e inappropriato. Numerosi giornalisti e attivisti hanno accusato il Papa di perpetuare stereotipi negativi e di mancare di rispetto verso le persone omosessuali. La scelta di parole ha amplificato la percezione di intolleranza e insensibilità, danneggiando l’immagine di inclusività che il Papa ha cercato di promuovere nel suo pontificato.

Dal punto di vista comunicativo, l’uso dell’espressione dispregiativa “troppa frociaggine” avrà diversi effetti negativi

Offensività del linguaggio: La parola è ampiamente riconosciuta come dispregiativa e offensiva. Utilizzarla in un contesto ufficiale e religioso ha amplificato il senso di insensibilità e mancanza di rispetto verso le persone omosessuali. La stampa e i commentatori hanno evidenziato come tale linguaggio possa perpetuare stereotipi negativi e discriminatori​.

Contrasto con l’immagine del Papa: Francesco è noto per la sua immagine di leader inclusivo e misericordioso, come dimostrato da precedenti dichiarazioni come “Chi sono io per giudicare?” riferito alle persone gay. L’uso di un termine così crudo contrasta fortemente con questa immagine, creando dissonanza e confusione tra i fedeli e l’opinione pubblica​.

L’uso di un termine offensivo ha danneggiato l’immagine pubblica di Papa Francesco

La sua leadership, spesso percepita come progressista e inclusiva, è stata messa in discussione. Questo episodio potrebbe essere visto come un passo indietro rispetto agli sforzi del Papa per promuovere un’immagine di tolleranza e comprensione all’interno della Chiesa.

Polarizzazione del Dibattito

Parole così forti tendono a polarizzare il dibattito pubblico. Da un lato, ci sono coloro che difendono la posizione tradizionale della Chiesa sull’omosessualità; dall’altro, ci sono quelli che vedono nell’uso di termini dispregiativi un attacco alla dignità delle persone omosessuali. Questa polarizzazione ostacola il dialogo costruttivo e crea divisioni profonde sia all’interno della Chiesa che nella società​.

Perdita di Fiducia

Molti fedeli, specialmente quelli appartenenti o vicini alla comunità LGBTQ+, potrebbero sentirsi alienati e perdere fiducia nella Chiesa. In un momento in cui molte istituzioni religiose stanno già affrontando un calo delle adesioni, tali dichiarazioni rischiano di esacerbare ulteriormente la disconnessione tra la Chiesa e una parte significativa della società​.

Implicazioni Etiche e Sociali

L’uso di un linguaggio offensivo in un contesto religioso ha implicazioni etiche significative. Le parole del Papa possono influenzare le percezioni e i comportamenti dei fedeli, potenzialmente giustificando atteggiamenti discriminatori e omofobi.

Questo è particolarmente preoccupante in un’epoca in cui molte persone LGBTQ+ continuano a subire discriminazioni e violenze​.

Ginevra Leone

Leggi anche

Show Full Content
Previous Due studenti islamici esentati da studiare Dante
Next Canzoni contro la Chiesa
Close

NEXT STORY

Close

Bologna Children’s Book Fair: una storia lunga 59 anni

Marzo 18, 2022
Close