Aprile 16, 2024
A ECORANDAGIO ospitiamo e formiamo i giornalisti di domani

Le violenze e gli abusi domestici che hanno segnato la vita di Tina Turner sono una parte oscura della sua biografia. La cantante ha avuto il coraggio di rompere il silenzio e condividere la dolorosa realtà che si celava dietro il suo successo, come testimoniato nelle sue stesse parole in diverse interviste.

“Vuoi sposarmi?”

Nulla di più, nessun gesto romantico. Una domanda diretta e concisa. Così iniziò il matrimonio di Ike e Tina Turner. La proposta del cantante trovò una risposta positiva e da lì iniziò l’inferno di Tina. Lei stessa approfondisce i dettagli nel suo libro My Love Story. Alcuni estratti sono stati pubblicati dal DailyMail: “Non volevo sposarlo, ma non avevo molta scelta. Decise che il nostro matrimonio sarebbe stato a Tijuana e, se mi fossi opposta, avrebbe dato di matto. Non volevo un occhio nero al mio matrimonio”. Il giorno del suo matrimonio Ike cercava un modo per divertirsi. “Divertirsi alla sua maniera e mi portò in una casa chiusa”

In una rivelatrice conversazione con la rivista People nel 1981, Tina ha confidato: “Avevo una paura folle di quell’uomo”

Tina Turner, un inferno di abusi e violenza chiamato Ike. Dalla prima notte di nozze in un bordello agli abusi quando era incinta. Illustrazione di Giovanni Scafoglio con l'aiuto di Ai

Questa frase riassume l’orrore che ha vissuto accanto al suo ex marito, Ike Turner, il quale, secondo la rockstar, l’ha sottoposta a violenze fisiche e psicologiche. Durante quell’intervista, ha svelato episodi di percosse subite durante la gravidanza, un umiliante spettacolo di sesso nella loro prima notte di nozze in un bordello e atti di violenza che includono lanci di caffè bollente e l’utilizzo di una gruccia come arma.

Nel 1960 Tina rimase incinta di Ike. Lui decise di sfruttare il momento e cambiò il nome alla band. Nacquero così Ike and Tina Turner. Lei, nata Anna Mae Bullock, non voleva cambiare il suo nome. “Glielo dissi. Fu la prima volta che mi picchiò. Mi colpì in testa con un pezzo di legno, cominciai a piangere”. L’incubo era appena iniziato. “Mi disse di salire sul letto, l’ultima cosa che volevo era fare l’amore, se così possiamo chiamarlo”. Ike si comportava da star, lei si sentiva “una schiava che non era più pagata per le sue esibizioni”. 

“Ha usato il mio naso come un punching ball talmente tante volte che potevo sentire il sapore del sangue che mi scivolava nella gola quando cantavo.”

Nonostante le coraggiose rivelazioni di Tina, Ike Turner ha costantemente negato le accuse

sostenendo di essere stato ingiustamente demonizzato dai media. Tuttavia, la testimonianza di Tina ha gettato luce su un lato oscuro della sua storia che era rimasto nascosto per troppo tempo.

Dopo aver trovato la forza di fuggire da quell’orrore, Tina Turner ha cercato una nuova vita, trovando conforto nel buddismo e costruendo una relazione con Erwin Bach. Tuttavia, la sua vita è stata segnata da ulteriori tragedie. Nel dicembre 2022, ha affrontato la perdita del suo figlio, e ora, nella notizia che ha scosso il mondo, Tina Turner ci ha lasciati.

Francesca Rampazzo

Leggi anche

Ecorandagio è un giornale libero e indipendente, fondato allo scopo di valorizzare i giovani comunicatori del futuro. Ci finanziamo grazie ai proventi delle nostre iniziative editoriali. Scopri la nostra casa editrice! Il Randagio edizioni. Giovanni Scafoglio

Show Full Content
Previous Dieci canzoni iconiche di Tina Turner
Next Reading & Machine: il nuovo progetto che unisce metaverso e libri
Close

NEXT STORY

Close

Gloomy Sunday – La canzone che porta al suicidio.

Aprile 3, 2020
Close