Ottobre 6, 2022
A ECORANDAGIO ospitiamo e formiamo i giornalisti di domani

È morto a 96 anni Enzo Garinei, attore  di cinema e di teatro e fratello di Pietro della celebre ditta Garinei e Giovannini, oltre che doppiatore. In carriera realizzò più di 70 film e partecipato a molte commedie teatrali.

Esordì al cinema nel 1949, in Totò le Mokò

con il Principe De Curtis, che fu per lui un maestro, realizzò diversi film. Nel teatro leggero fu interprete di numerosi spettacoli di Garinei e Giovannini, come ad esempio Alleluja brava gente e Aggiungi un posto a tavola.

Il suo ultimo ruolo è stato la voce di Dio in Aggiungi un posto a tavola, stagione 2021-2022 ma Enzo Garinei è uno di quei volti così noti che a tutti gli italiani sembrava uno di famiglia. ‘

‘Sono nato il 4 maggio 1926 in una piccola stradina del centro di Roma, a via delle Coppelle, tra via della Maddalena e via della Scrofa”, racconta nella sua autobiografia appena pubblicata da Armando editore con il titolo tanto esplicativo ”Io c’ero. Il protagonismo del caratterista” a cura di Laura De Luca. Si perchè lui c’era, a teatro, al cinema, in tv, in oltre 100 film e innumerevoli spettacoli, al fianco di grandi attori come Gassman o Rascel, diretto da grandi registi come Zurlini, Zampa, Maselli, Mattoli, Castellano e Pipolo dall’esordio del 1949 accanto a Totò in Totò le Mokò.

In teatro ha lavorato con Enriquez, Ronconi, Benno Besson, e ovviamente con il fratello Pietro Garinei e Giovannini partecipando a numerose commedie musicali

I suoi primi approcci con lo spettacolo risalgono agli anni della guerra, al teatro dell’Università dove conosce Ferzetti, Mastroianni, Masina.

Si formò al Cut, centro universitario teatrale. Si cimenta con i ”copioncini” che il fratello Pietro scrive – racconta lui – ”per le dame di beneficienza” che poi si rappresentavano nei club. Ma la ditta del fratello, Garinei e Giovannini è anche l’avventura del Sistina mentre lui si disegna un suo autonomo percorso artistico. Sarà infatti dalla macchina da presa che gli verrà il maggiore successo. Dopo Totò le Mokò, venne Signorinella sempre con Totò che lo aveva visto a teatro.

”Con Totò l’importante era chiamarlo sempre Principe”, scrive nell’autobiografia. ”Quanto alla televisione l’ho vista nascere, sono stato fra i suoi pionieri, mi è piaciuta subito”. Qui poi iniziò con i caroselli, insieme a Virna Lisi che pubblicizzava il suo sorriso splendente. Poi via via da Scaramouche fino all’ultima apparizione in Don Matteo nel 2014.

Nel 1997-1998 ha recitato, a fianco di Delia Scala e Gerry Scotti nella serie televisiva Io e la mamma. Nel 2008 e 2009 è stato fra i protagonisti di Facciamo l’amore, a fianco di Gianluca Guidi e Lorenza Mario e di Aggiungi un posto a tavola, sempre a fianco di Gianluca Guidi e con Marisa Laurito. Nella stagione teatrale 2017-2018 ed ancora nella stagione 2019-2020 è ritornato in tournée con la nuova edizione di Aggiungi un posto a tavola, interpretando dal vivo “la voce di Dio”, ottenendo un tributo d’affetto da parte del pubblico.

Fino al 2008 è stato anche, saltuariamente, doppiatore

il personaggio più noto da lui doppiato è probabilmente quello di George Jefferson (interpretato da Sherman Hemsley) della sitcom I Jefferson (1975-1985). Doppiò anche Stan Laurel in alcune comiche e film. Nel luglio 2009 ha vinto il riconoscimento speciale Leggio d’oro “Alberto Sordi”. ”Per tutti ho una grande nostalgia. Mi mancano anche le litigate, le cattiverie…E qualche volta mi dici: chissà che meraviglioso spettacolo continuano a fare, su in cielo. E’ il paradiso no?”

Lucio Russo

Leggi anche

Dario Fo il Maestro dei Pennelli
 - come il Premio Nobel dipingeva il suo teatro attraverso 70 opere inedite. Il Randagio Edizioni
Show Full Content
Previous Video stupro a Piacenza diffuso dalla Meloni, la vittima disperata perchè riconosciuta
Next Pinocchio Senza i fili, 100 eventi nelle vie di Collodi
Close

NEXT STORY

Close

Silvia Romano insulti e minacce. Quando offendere e insultare è considerato un diritto.

Maggio 14, 2020
Close