Luglio 14, 2024
A ECORANDAGIO ospitiamo e formiamo i giornalisti di domani

Martedi 18 giugno alle ore 18 a Barra, presso la Biblioteca sociale “La casa di Francesca” si presenta  “Io , Lauro e le rose” dello scrittore Mario Artiaco che ha all’attivo tre romanzi, di cui questo è quello d’esordio, pubblicato nel 2017 in self self publishing.

“Io, Lauro e le rose” è una storia realmente accaduta che si svolge in un piccolo comune della Penisola Sorrentina

un racconto intenso e coinvolgente dalle mille sfumature, che ha come fondamento l’amore declinato in tutte le sue forme,  soprattutto nell’amicizia dei tre protagonisti con un sogno da realizzare, fino a tingersi di toni più forti e scuri, quando si narra di  pregiudizio, omofobia e pedofilia. Un romanzo di formazione, ma anche una storia autobiografica,  in cui  l’unica morale è quella di  offrire al lettore la verità di una storia reale e dolorosa, oltre al senso di giustizia che l’autore restituisce al protagonista. 

“Io, Lauro e le rose”, con le sue 255 presentazioni in giro per l’Italia, rappresenta un vero e proprio caso letterario, soprattutto perché è il primo romanzo autopubblicato ad essere stato presentato al Salone di Torino. A sette anni dall’uscita, il romanzo continua il suo viaggio negli incontri con l’autore soprattutto nelle scuole e in luoghi frequentati dai giovani, proprio come la Biblioteca sociale “La casa di Francesca”.  Nata nel 2024 dal sogno di Francesca Speraddio che, nella sua breve vita, ha immaginato una biblioteca in cui, non sono importanti solo la quantità e la qualità dei libri in catalogo, ma quante persone la frequentano, vi studiano, si fermano a leggere e si incontrano per discutere e confrontarsi, propongono e partecipano alle attività. Uno strumento con cui contribuire a realizzare l’ideale di uguaglianza dell’articolo 3 della  Costituzione, perché in biblioteca tutti sono uguali.

I genitori di Francesca, Mariarosaria Izzo e Matteo Speraddio,  hanno abbracciato questa visione, realizzandola  nella periferia nord di Napoli, a Barra, per restituire ai cittadini uno spazio di aggregazione e di confronto, ma anche per essere coerenti con loro stessi che, da sempre, hanno scelto di esercitare la propria attività come docenti proprio nelle periferie svantaggiate. Un appuntamento dunque di crescita, confronto, dialogo, in cui Mario Artiaco con il suo “Io, Lauro e le rose” incontrerà il pubblico de “La Casa di Francesca”.Modera l’incontro Manuela Ragucci.

Io, Lauro e le rose

Tre amici e le loro bravate, l’ingenuità, il sogno, l’incoscienza, la malattia, l’omosessualità, gli abusi e “la morte che pone fine a una vita, non a una relazione”.Due registri diametralmente opposti, il giorno e la notte, la gioia e il dolore, scandiscono il ritmo e le sensazioni. Il primo all’insegna dell’adolescenza, dei giochi, la spensieratezza, o presunta tale, e un viaggio che segna la fine di un’epoca. Il viaggio più strampalato e impraticabile cui si possa ardire. L’altro registro assume toni e circostanze drammatiche e anche l’inesorabile e lento spegnersi del protagonista finisce in secondo piano spodestato dai racconti della sua adolescenza. Il progressivo disvelarsi dell’omosessualità di Raffaele si impossessa della scena ma le scoperte circa la sua malattia e la sua convivenza con don Peppino, benefattore incontrato all’oratorio del Santuario della Madonna di Pompei, rubano la scena e infittiscono la trama.L’ordine cronologico non viene rispettato. Raffaele racconta, e chiede di raccontare, avvenimenti assolutamente disparati nei toni, nei tempi e nelle ambientazioni. Il suo umore e le sue condizioni fisiche la fanno da padrone. Il tempo stringe e non intende terminare il suo viaggio terreno tormentato da rimorsi e rimpianti. Nulla vorrebbe fosse indiviso, incompiuto. Dove può, mette rimedio, ma alcuni avvenimenti non dipendono dalla sua sola volontà e così la madre, sorda e tracotante, incapace di accettare la sua natura, nulla compie nonostante il richiamo disperato del figlio morente la vorrebbe al suo capezzale.Un romanzo d’Amore. E non si intenda quello che alberga tra uomo e donna o tra persone dello stesso sesso. Si narra anche dell’amore che lega indissolubilmente le vite di tre amici, amici da bambini e fin all’ultimo respiro, dell’amore incredibilmente incompiuto, non corrisposto, tra una madre e un figlio, dell’amore per un fratello e per una sorella. Dell’amore per “l’uomo dei due sogni” e l’escamotage che finge utilizzare il protagonista attuando una fuga al fine di raggiungere il più grande calciatore di tutti i tempi all’alba della finale dei mondiali di “Mexico ‘86”, dell’amore per padri assenti e silenti, dell’amore che resta comunque e sempre più forte della morte.

Presentazione del romanzo “Io, Lauro e le rose” di Mario ArtiacoMartedi 18 giugno ore 18 – Biblioteca sociale La casa di Francescavia Bernardo Quaranta 132, Napoli- Barra

Ingresso libero

La Redazione

Leggi anche

Show Full Content
Previous Due bimbe ghanesi aggredite da 20 razzisti nell’est Germania
Next Quattordicesima in arrivo: come la spenderanno gli italiani?
Close

NEXT STORY

Close

Map to the Star: intervista a Mirko Viglino

Febbraio 15, 2023
Close