Giugno 18, 2024
A ECORANDAGIO ospitiamo e formiamo i giornalisti di domani

E’ morto Daniele Segre, nato l’8 febbraio 1952 ad Alessandria e scomparso il 4 febbraio 2024, scorso. Segre è stato un eminente regista e fotografo, la cui carriera si è estesa per oltre tre decenni, marcando in modo indelebile il panorama del cinema documentario italiano​​. La sua opera si distingue per un approccio autentico e profondamente umano, concentrato su tematiche sociali, la vita lavorativa e le realtà marginalizzate della società.

Daniele Segre è riconosciuto per aver esplorato con sensibilità e acume le vite delle persone

Spesso immergendosi in contesti lavorativi o sociali di grande complessità e difficoltà. La sua capacità di narrare storie di vita reale, attraversando vari strati sociali e geografici dell’Italia, ha offerto uno sguardo non convenzionale e critico sulla realtà italiana, contribuendo a un dialogo più ampio sulla condizione umana e sulla giustizia sociale.

Tra i suoi lavori più significativi spiccano documentari come “Dinamite – Nuraxi Figus Italia” e “Asuba de su serbatoiu,” entrambi girati in Sardegna e dedicati rispettivamente all’ultima miniera di carbone ancora in attività in Italia e alla lotta dei lavoratori della Nuova Scaini di Villacidro​​. Questi documentari raccontano storie di resistenza e lotta delle comunità locali. Hanno messo in luce le difficoltà economiche e ambientali legate ai settori in cui operavano. Tutto ciò a riprova della capacità di Segre di cogliere le sfumature e le complessità delle tematiche trattate.

Il suo lavoro ha ricevuto riconoscimenti e apprezzamenti non solo a livello nazionale ma anche internazionale. Partecipazioni e premi in vari festival cinematografici. La sua dedizione nel raccontare storie di “realtà” ha contribuito a definire e arricchire il genere del cinema documentario in Italia, rendendolo uno strumento di riflessione sociale e culturale.

Daniele Segre è stato pionieristico nel documentare la cultura degli ultras nel calcio italiano

Lo ha fatto catturando l’essenza dei tifosi più appassionati nelle sue fotografie e nei suoi documentari fin dalla fine degli anni ’70. Il suo lavoro “Ragazzi di stadio” ha offerto uno sguardo unico e complesso sui sostenitori, mostrando la loro vita e la loro identità senza pregiudizi, raccontando storie di appartenenza, contrasto e passione attraverso il prisma del calcio e dei suoi cambiamenti sociali e culturali in Italia.

Daniele Segre con la sua visione artistica, la profondità dei suoi temi e la sua capacità di connettersi con le persone attraverso l’obiettivo ha sottolineto l’importanza del cinema come strumento di indagine e comprensione del mondo in cui viviamo.

Giovanni Scafoglio

Leggi anche

Show Full Content
Previous Censura Sanremo. Dieci canzoni censurate dal Festival
Next I testi migliori di Sanremo 2024? Angelina Mango e i Negramaro. Il peggiore? Quello de Il Volo
Close

NEXT STORY

Close

Cosa ci ha detto di ufficiale EMA sul vaccino AstraZeneca

Marzo 18, 2021
Close