Maggio 20, 2024
A ECORANDAGIO ospitiamo e formiamo i giornalisti di domani

Le dieci canzoni contro Berlusconi più famose. Tra note ribelli e parole incendiarie che hanno preso di mira Silvio Berlusconi. La sua carriera politica è stata accompagnata da una sinfonia di canzoni satiriche e critiche. Scopriamo insieme le dieci tracce più celebri e i retroscena scottanti che le circondano.

Da Faber a Elio e Le Storie tese, passando di Baustelle, ecco 10 brani musicali satirici dedicati al Cavaliere

“L’odore del sessantanove” – Elio e le Storie Tese

Con un titolo che non lascia spazio all’immaginazione, nel 1993 Elio e le Storie Tese hanno giocato sul presunto coinvolgimento di Berlusconi in avventure sessuali. Il brano mette in rialto il loro umorismo dissacrante e provocatorio.

“Berlusconismo” – Baustelle

Gli anarchici dell’indie rock Baustelle hanno sferrato un attacco musicale al berlusconismo nel 2005. La loro canzone è diventata l’inno della resistenza contro il sistema politico e mediatico associato a Berlusconi, scuotendo le coscienze e infiammando il dibattito pubblico.

“Berlusconi” – Meg

Il 2001 ha visto emergere questa perla di critica musicale nei confronti di Berlusconi. Il brano dei Meg è diventato un simbolo di protesta, trasmesso a tavolette dalle radio italiane e abbracciato dai giovani che desideravano far sentire la loro voce contro il controverso politico.

“La Forza della Verità” – Fabrizio De André

Nel 1971, il leggendario Fabrizio De André ha composto questa ballata di protesta, direttamente indirizzata a Berlusconi, all’epoca già un magnate imprenditoriale. Le parole taglienti di De André sfidavano l’élite, invitando il pubblico a cercare la verità oltre le maschere politiche.

“Il Pescatore di Stelle” – Caparezza

Caparezza ha colto nel segno nel 2006 con questa canzone che ha dato a Berlusconi il titolo di “pescatore di stelle”. Mentre sembrava ammirare il carisma del politico, il brano metteva in dubbio la sua onestà e le sue promesse, avvolgendole in una coperta di ironia e critica.

“Ma che discorsi” – Pino Scotto

Il provocatore Pino Scotto ha dedicato questa canzone a Berlusconi, prendendo di mira i suoi discorsi politici spesso privi di concretezza. Un’esplosione di rabbia e frustrazione, il brano ha incendiato le platee e ha dato voce a coloro che volevano vedere il politico sotto una luce diversa.

“La camicia” – Marta sui Tubi

Con un titolo che evoca eleganza e formalità, Marta sui Tubi ha creato una canzone che scherza sulle imprese e il carisma di Berlusconi. Il brano ha suscitato grande entusiasmo nel pubblico, diffondendo un senso di critica e sfida nei confronti del politico.

“Berluschettone” – Morgan

Nel 2010, Morgan ha scritto questa canzone mettendo in evidenza le controversie e gli scandali che hanno circondato Berlusconi durante il suo mandato. Il brano è caratterizzato da un tono sarcastico e da un ritmo coinvolgente, diventando un successo radiofonico.

“La ballata dell’ossessione” – Frankie hi-nrg mc

Frankie hi-nrg mc affronta il tema dell’ossessione dei media nei confronti di Berlusconi in questa canzone del 1996. Il testo denuncia la saturazione mediatica e il controllo esercitato da Berlusconi sull’opinione pubblica attraverso i suoi canali televisivi.

“Papi” – J-Ax”

Nel 2015, J-Ax ha pubblicato questa canzone che, sebbene non si concentri esclusivamente su Berlusconi, fa riferimento a lui come un simbolo della vecchia politica italiana. Il brano critica il sistema politico corrotto e invita le persone a ribellarsi e a cercare un cambiamento.

E così, mentre elenchiamo le più famose canzoni dedicate a Silvio Berlusconi, non possiamo fare a meno di chiederci se il buon vecchio Silvio si sia divertito a sentirle. Immaginiamolo nella sua villa, circondato da trofei politici e sciarpe dorate, sfogliando segretamente una playlist proibita di canzoni satiriche su di lui. Forse, sotto sotto, il Cavaliere, si è lasciato andare a ballare, trovando, tra un bunga bunga e l’altro, un gusto perverso nel sentirsi oggetto di attenzioni.

Dopotutto, anche l’odio può essere un’affermazione di potere.

Giovanni Scafoglio

Leggi anche

Ecorandagio è un giornale libero e indipendente, fondato allo scopo di valorizzare i giovani comunicatori del futuro. Ci finanziamo grazie ai proventi delle nostre iniziative editoriali. Scopri la nostra casa editrice! Il Randagio edizioni. Giovanni Scafoglio
Show Full Content
Previous Silvio Berlusconi agli occhi della Gen Z
Next Addio a Cormac McCarthy: Lo Scrittore Premio Pulitzer Noto per “La Strada” e “Non è un Paese per Vecchi
Close

NEXT STORY

Close

Il Randagio Open Call 2023: i finalisti della nuova chiamata alle arti

Dicembre 8, 2023
Close