Aprile 17, 2024
A ECORANDAGIO ospitiamo e formiamo i giornalisti di domani

Sergio Mattarella, presidente della Repubblica Italiana, ha recentemente ospitato un evento singolare al Quirinale, intitolato “La Costituzione in Shorts”. Durante questa occasione, ha dialogato con dodici influencer sul significato e sulla rilevanza quotidiana della Costituzione italiana. L’incontro ha sottolineato come l’articolo 1 della Costituzione, affermando che “l’Italia è una”, escluda la nozione di una nazione frammentata in repubbliche autonome o federazioni, evidenziando l’attualità e la giovinezza della Costituzione, attribuibile alla sua saggezza fondativa. Un incontro senza precedenti dove il Presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella ha, in pratica, provato a influenzare gli influencer.

Mattarella vs influencer: dialogo tra generazioni. Costituzione e diritti nell’era digitale

Nel corso dell’evento, Mattarella ha sfruttato questo format, più unico che rato, per discutere di temi quali i diritti, la libertà d’informazione, e l’astensionismo elettorale, arricchendo la conversazione con battute e momenti leggeri. La presenza di Fabio Rovazzi come moderatore ha simboleggiato l’audace sperimentazione di ibridazione tra le istituzioni tradizionali e il mondo digitale dei social media.

La Costituzione italiana: uno scrigno di diritti e libertà

L’intento dichiarato da Mattarella è stato quello di presentare la Costituzione come un “scrigno” di diritti e libertà, un tesoro da custodire gelosamente. Ha messo in guardia sui rischi di un approccio negligente verso la democrazia, sottolineando l’importanza di coltivare i diritti come elementi vitali per la sua sopravvivenza. La giovinezza e l’adattabilità della Costituzione, secondo il Presidente, risiedono nella sua capacità di accomodare condizioni imprevedibili al momento della sua stesura.

Mattarella ha espresso preoccupazione per il crescente fenomeno dell’astensionismo, sottolineando come il voto rappresenti il culmine dell’esercizio della sovranità popolare. Ha inoltre affrontato temi di giustizia sociale, interrogandosi sulle disparità che affliggono bambini e giovani in diverse parti del mondo.

Creator al servizio della democrazia

L’elenco dei creator coinvolti nell’iniziativa: Marcello Ascani, Lorenzo Baglioni, Virginia Benzi (Quantum girl), Giuseppe Bertuccio D’Angelo (Progetto Happiness), Elia Bombardelli, Loretta Grace (Grace on your dash), gli Heimi (Gianluca David Baroni, Alice Caimi, Camilla Caimi, Francesca Pivari, Pietro Pettenghi), Giulia Lamarca, Lokman, Pietro Michelangeli, Olimpia Peroni (Fanpage.it), Eleonora Tani (The Lady). 

L’iniziativa di Mattarella al Quirinale rappresenta un tentativo coraggioso e innovativo di dialogo tra le istituzioni e le nuove generazioni attraverso il mondo digitale, con l’obiettivo di rinnovare l’interesse e la partecipazione attiva alla vita democratica, specialmente tra i ragazzi. La Costituzione italiana si conferma, così, non solo un documento fondante, ma una realtà vivente e dinamica, capace di interagire con le sfide del presente e del futuro.

Francesca Rampazzo

Leggi anche

Show Full Content
Previous Putin: ‘pronti alla guerra nucleare’
Next 4^ Biennale Disegno Rimini – “Ritorno al Viaggio”
Close

NEXT STORY

Close

Un confronto sulla guerra in Ucraina

Aprile 16, 2022
Close