Dicembre 4, 2021
A ECORANDAGIO ospitiamo e formiamo i giornalisti di domani

Il coronavirus devasta l’industria italiana, gli ordinativi di febbraio registrano un calo del fatturato pari al 4,4%. In termini di tendenza ciò significa una marcata diminuzione sul mercato inerno (-4,2%), mentre resta stabile, fortunatamente quello estero (-0,2%). Appare ovvio che l’industria farmaceutica segni un notevole incremento (+8,3%), altrettanto inevitabile che il peggior risultato si riscontri nel tessile e abbigliamento (-9,1%).

Il coronavirus devasta l'industria italiana, gli ordinativi di febbraio registrano un calo del fatturato pari al 4,4%. Malissimo il mercato interno: -4,2%
Il coronavirus devasta l’industria italiana

A febbraio il fatturato dell’industria, al netto dei fattori stagionali, diminuisce del 2,1% rispetto a gennaio e nella media degli ultimi tre mesi l’indice generale è rimasto pressoché stabile, con una variazione del +0,1% rispetto alla media dei tre mesi precedenti. Lo stima l’Istat. La dinamica congiunturale del fatturato riflette variazioni negative sul mercato interno (-2,3%) ed estero (-1,5%). Corretto per gli effetti di calendario (20 giorni lavorativi come a febbraio 2019), il fatturato totale cresce in termini tendenziali dello 0,9%

Nel corso della fase di rilevazione vi è stata una moderata riduzione del tasso di risposta delle imprese, conseguente all’emergenza sanitaria in corso. Le azioni messe in atto per fare fronte a queste perturbazioni nella fase di raccolta dei dati hanno consentito di elaborare e diffondere gli indici relativi al mese di febbraio 2020.

Fonte dati: Istat e Ansa

Leggi anche: No al Mes, senza coronavirus bond che senso ha l’Europa? Italexit? SI o NO?

Un colpo mortale all’economia italiana dal Covid-19: -16,6%

Show Full Content
Previous Con lo sguardo si è più indifesi: Francesco Vairo
Next Viene a conoscenza della morte del padre ricevendo la fattura per la cremazione.
Close

NEXT STORY

Close

Babbo Natale un turco americano

Dicembre 25, 2020
Close