Maggio 14, 2021
A ECORANDAGIO ospitiamo e formiamo i giornalisti di domani

C’è chi viene a conoscenza della morte del padre ricevendo la fattura per la cremazione. Chi cerca le spoglie dei propri cari e non riesce a trovarli rimanendo senza notizie, anche qui, fino all’arrivo della fattura. Nella fase più drammatica i cimiteri e i forni crematori di Bergamo non sono riusciti a sopperire all’emergenza. Le immagini dei convogli militari che portavano i feretri sono e rimarranno a lungo nei nostri occhi facendo inoltre il giro del mondo. Si stima che sono state oltre 900 le vittime trasportate fuori dalla provincia e dalla regione. Ferrara, Udine, Alessandra, alcune delle destinazioni delle salme.

Viene a conoscenza della morte del padre ricevendo la fattura per la cremazione. L'uomo era morto a causa del Covid 19. Coronavirus a Bergamo.
Viene a conoscenza della morte del padre ricevendo la fattura per la cremazione.

E ora a battere cassa e a chiedere gli oltre 777,00 euro per le spese non un privato ma lo stato italiano, uno stato con la lettera minuscola e senza dignità che inserisce nei 777,00 be, 150 euro di “competenze di ufficio”, 2 euro di imposte di bollo e altri 62 euro in valori bollati.

Perchè se è vero che nella normalità le spese delle onoranze funeri spettino ai familiari qui si tratta di una situazione limite dove i corpi sono stati prelevati, portati via senza la possibilità per i parenti di accompagnare i propri cari verso l’ultimo viaggio. Si discute tanto di fine del lockdown, di fase 2 e di ripartenza vicina. Ma quale ripartenza può esserci davanti ad amenità simili?

Francesca Rampazzo

Show Full Content
Previous Il coronavirus devasta l’industria italiana. A febbraio -4,4%
Next L’enigma delle antiche mura ciclopiche del Lazio
Close

NEXT STORY

Close

La resistenza culturale dei musei virtuali #1

Marzo 21, 2020
Close