Febbraio 2, 2023
A ECORANDAGIO ospitiamo e formiamo i giornalisti di domani

“Dario Fo, il Maestro dei Pennelli” Il 14 dicembre inaugurazione, allo Spazio Alda Merini, della mostra dei dipinti e disegni del Maestro provenienti dalla Collezione Grassi di Cesenatico.

Mercoledì 14 dicembre l’inaugurazione di “Dario Fo, Il Maestro dei Pennelli”, una mostra di dipinti e disegni che il Premio Nobel realizzò a Casa Grassi a Cesenatico, contenuti nell’omonimo libro di Fabio Grassi 

L’evento, col patrocinio del Comune di Milano e di alcune associazioni no-profit, è in collaborazione con il Centro Europeo Teatro e Carcere (CETEC – Dentro/Fuori San Vittore) diretto da Donatella Massimilla – La mostra dei dipinti e disegni che il Premio Nobel realizzò a Casa Grassi a Cesenatico, si terrà nello Spazio Alda Merini dal 14 dicembre al 29 gennaio 2023 – L’ evento è molto importante anche alla luce del fatto che lo stesso Dario Fo avrebbe voluto venisse assegnato il Nobel per la Letteratura ad Alda Merini, segnalandola all’Accademia di Svezia.

Si terrà mercoledì 14 dicembre alle 18.30 l’inaugurazione della mostra dei dipinti e dei bozzetti teatrali realizzati da Dario Fo e inseriti nella Collezione Grassi, dipinti inseriti nel libro di Fabio Grassi “Dario Fo, il Maestro dei Pennelli – Come il Premio Nobel dipingeva il suo teatro”

Dario Fo ospite dello spazio Merini a partire dal 14 dicembre con una mostra tratta dal libro Dario Fo il Maestro dei Pennelli

La mostra, realizzata in collaborazione con il Centro Europeo Teatro e Carcere (CETEC – Dentro/Fuori San Vittore) diretto da Donatella Massimilla, regista e drammaturga teatroterapeuta cui il Comune di Milano assegnò, nel 2018, l’Ambrogino d’Oro per la sua attività, unisce idealmente il libro e la mostra delle opere di Dario Fo alla memoria della più grande poetessa italiana, Alda Merini. La mostra d’arte verrà ospitata dal 14 dicembre al 29 gennaio prossimi allo Spazio Alda Merini – Casa delle Arti, in Via Magonza 32, a Milano, cioè la Casa Museo dedicata alla poetessa scomparsa nel 2009 e alla quale lo stesso Dario Fo avrebbe voluto venisse assegnato il Nobel per la Letteratura, segnalandola all’Accademia di
Svezia.

Alda Merini ebbe un legame molto forte con la città di Milano

In particolare con i Navigli, dove nacque e visse la sua vita tormentata caratterizzata anche dalla follia e dall’esperienza in manicomio. Lo stesso Bar Charlie, il pianobar sui Navigli dove la poetessa passava le sue giornate scrivendo, suonando e incontrando le persone a lei care, sempre gestito dal CETEC, è stato trasferito dentro lo spazio Alda Merini, e oltre ad essere un caffè, è anche contesto di reinserimento sociale e lavorativo per donne che fuoriescono da situazioni di violenza e reclusione.

Dario Fo è stato anche ospite più volte nel Carcere di San Vittore, anche invitato dal CETEC, ed insieme a Franca Rame il suo impegno civile e il suo spirito libero lo ha sempre fatto sentire vicino alle persone che dentro un luogo recluso attraverso le arti e il teatro, trovano forza di riscatto e costruiscono il loro reinserimento sociale e lavorativo. Anche per questo il ponte fra un Fuori e un Dentro continuerà con una presentazione del Libro di Fabio Grassi e delle slide dei quadri della Mostra in un apposito incontro tra le mura del carcere di San Vittore, nella biblioteca della sezione femminile nella quale è conservata una litografia realizzata dal Maestro che raffigura un “cenacolo” di donne. Le persone detenute a San Vittore ben ricordano, inoltre, la rappresentazione che Dario Fo fece, qualche anno fa,
nella chiesa del carcere proprio nel giorno di Natale, con il suo famoso monologo di San Francesco accompagnato dall’orchestra di bambini violinisti, gli archistorti di Reggio Emilia.

“Dario Fo – spiega Donatella Massimilla del Centro Europeo Teatro e Carcere – è un Maestro che insieme a Franca Rame ha dedicato la sua vita all’Arte e alle cause degli ultimi. Ricordare il Maestro nelle sue numerose e generose visite e performance nel carcere di San Vittore, mi riporta a momenti indimenticabili, ad emozioni condivise con i detenuti e le detenute, il personale tutto, la direzione, in momenti che hanno testimoniato il lavoro del CETEC negli anni dedicati al teatro recluso come quelli di un convivio di artisti, in una Libera Università del Teatro. La stessa Merini veniva a raccontarsi nella biblioteca della sezione femminile accompagnata dai suoi amici. Il nostro ringraziamento va quindi a Fabio Grassi per aver generosamente affidato allo Spazio Alda Merini la sua preziosa collezione, e a all’editore Giovanni Scafoglio, Il Randagio Edizioni, per aver creato questo incontro per tutti noi così significativo”.

Il Bar Charlie, il pianobar sui Navigli dove la poetessa passava le sue giornate scrivendo, suonando e incontrando le persone a lei care, sempre gestito dal CETEC, è stato trasferito dentro lo spazio Alda Merini, e oltre ad essere un caffè, è anche contesto di reinserimento sociale e lavorativo per donne che fuoriescono da situazioni di violenza e reclusione

Ecco quindi che lo Spazio Alda Merini e Bar Charlie ben si integrano con le battaglie politiche e sociali condotte, negli anni, da Dario Fo e Franca Rame, nella difesa di deboli, emarginati ed oppressi. Battaglie che ben si evincono dal libro di Fabio Grassi e dalla mostra collegata. Mostra che durante l’intera estate scorsa è stata esposta alla Galleria Leonardo di Cesenatico e visitata da oltre 6mila persone.

Dario Fo allo spazio Merini è molto di più di una semplice mostra

Il volume – già presente al Salone del Libro di Torino nel maggio scorso, alla Fiera del Libro di Roma proprio in questi giorni e a novembre per Bookcity allo Spazio Alda Merini – non è un semplice catalogo ma un vero e proprio libro arricchito di foto, di curiosità e di uno studio su come il premio Nobel immaginasse il suo teatro, dipingendo e disegnando scenografie e costumi, prima di portarlo in scena. Dipinti, bozzetti di scena, disegni che Dario Fo regalò, negli anni, al suo amico Primo Grassi, sindaco di Cesenatico e ricordato quale “inventore” del turismo della Riviera Romagnola. Spezzoni di trame teatrali, racconti di lotte operaie, bombe e stragi di stato, difesa dei deboli e degli oppressi, speculazioni edilizie, chiusura dei manicomi, opere rossiniane, il Cile di Allende e di Victor Jara, la morte di Pinelli.
La trama del libro accompagna il lettore a riesaminare le battaglie sociali e politiche condotte da Dario Fo e Franca Rame attraverso il teatro politico con ironia e determinazione, e contiene storie e dipinti legati a tecniche teatrali, geometrie e armonie, maschere greche e canti siculi, ma anche a Jannacci, Cochi e Renato, De Andrè, Carlin Petrini, al delfinario di Cesenatico, fino all’ultima mostra-spettacolo che Fo realizzò nel 2016 proprio al Palazzo del Turismo Primo Grassi di Cesenatico: Darwin-Ma siamo scimmie da parte di padre o di madre.

Da una lettera inedita autografa di Dario Fo al CETEC e alla Direzione del carcere: Noi italiani dobbiamo recuperare la coscienza del nostro valore e impegnarci per rivalutare la nostra grande tradizione culturale anche e soprattutto nei luoghi della sofferenza, dove l’arte è enormemente necessaria. San Vittore è senz’altro all’avanguardia in questo senso in quanto ospita il laboratorio teatrale del CETEC.

La mostra sarà visitabile dal 14 al 29 gennaio 2023, gratuitamente

leggi anche

Dario Fo il Maestro dei Pennelli
 - come il Premio Nobel dipingeva il suo teatro attraverso 70 opere inedite. Il Randagio Edizioni
Show Full Content
Previous Polemiche contro il marchio spagnolo Balenciaga
Next Usa verso la svolta sulla fusione nucleare
Close

NEXT STORY

Close

Le scelte pedagogiche del governo: Decreto Conte

Dicembre 14, 2020
Close