Giugno 18, 2024
A ECORANDAGIO ospitiamo e formiamo i giornalisti di domani

Nel cuore della Polonia, immersa nella quiete dei paesaggi rurali, si erge un luogo che porta con sé l’eco di uno dei periodi più bui della storia umana. Auschwitz, un nome che evoca terrore, sofferenza e l’orrore dell’Olocausto. Ma cosa è diventato questo luogo, oltre a essere un monumento alla memoria delle vittime dell’oppressione nazista? Cosa resta di Auschwitz oggi?

Auschwitz che conosciamo:

Auschwitz è stato uno dei più grandi e noti campi di concentramento e sterminio nazisti durante la Seconda Guerra Mondiale. Fondato nel 1940 nella città polacca di Oświęcim, fu inizialmente utilizzato per imprigionare prigionieri politici polacchi. Con il tempo, divenne il fulcro di un sistema di campi che servivano alla macabra macchina della soluzione finale nazista. Milioni di persone, in gran parte ebrei, ma anche prigionieri politici, zingari, omosessuali e dissidenti, furono deportati ad Auschwitz. Qui, molti trovarono la morte nelle camere a gas, per le fatiche del lavoro forzato, per le malattie o per l’esperimento della crudeltà umana. Ma prima di chiederci che cosa resta di Auschwitz oggi, facciamo un po’ di chiarezza.

Facciamo chiarezza:

Il nome Auschwitz è una traduzione tedesca. Il vero nome è Oświęcim che i tedesci tradussero in Auschwitz per comodità. E non esiste un solo Auschwitz ma tre campi principali e quarantacinque sottocampi. Le parti visitabili oggi sono Auschwitz I e Auschwitz II (Birkenau).

La parte principale del sito, Auschwitz I, è stata conservata quasi intatta. Auschwitz II-Birkenau, il campo più vasto e mortale, è stato in parte demolito dai nazisti alla fine della guerra, ma le rovine rimanenti parlano ancora del suo passato drammatico. Intatti sono i binari sui quali venivano trasportate le persone e, una volta arrivati, venivano subito smistati in utili e inutili. E gli inutili (anziani, bambini, disabili) mandati direttamente nelle camere a gas.

Gli “inutili” credevano di andare a fare una doccia dopo il lungo e faticoso viaggio e, cosa ancora peggiore, al loro arrivo trovavano gli “utili” obbligati a collaborare in cambio della vita. La cosa che forse è meno nota e che molta gente arrivava ad Auschwitz convinta di trovare un futuro migliore. Non tutti erano consapevoli del destino che li attendeva e molta gente salì spontaneamente sui treni diretti ad Auschwitz.

Il sistema nazista era un sistema studiato nei minimi dettagli per funzionare come una macchina. Niente era sprecato. Tutto quello che si poteva riciclare era prelevato dai detenuti (vivi e morti) e riutilizzato. Un esempio? I capelli rasati dei detenuti erano raccolti e riutilizzati per le uniformi del personale del campo di concentramento. Un sistema che funzionava perfettamente ma che non lasciava spazio ad alcuna pietà. Gente ammassata in una stanza con un solo catino come bagno, lavorando 12 ore al giorno sotto la gelida temperatura polacca. Inumani esperimenti chirurgici senza nessuna anestesia e cancellazione dell’individualità sostituendo il nome con un numero.

E come sadica ironia la scritta all’entrata “Arbeit macht frei” (Il lavoro ti rende libero).

Cosa resta di Auschwitz oggi?

Il memoriale di Auschwitz svolge un ruolo cruciale nell’educazione sul genocidio nazista e nella commemorazione delle vittime. Oltre a preservare i resti materiali del campo, ospita mostre che raccontano le storie individuali delle persone che hanno sofferto e sono morte lì. Le guide forniscono contesto storico e testimonianze toccanti, aiutando i visitatori a comprendere la portata della tragedia e a riflettere sulle sue implicazioni morali.

La visita ad Auschwitz è un’esperienza toccante che lascia un’impronta duratura sulla coscienza di chiunque la compia. Camminare lungo le strade che milioni di persone hanno percorso verso la loro morte, vedere i cumuli di scarpe, occhiali e capelli umani recuperati dai prigionieri, ascoltare i racconti dei sopravvissuti: tutto ciò non può che suscitare profonde emozioni e un senso di impegno a non dimenticare.

Ma Auschwitz è anche un monito contro l’odio, l’intolleranza e l’indifferenza. La sua esistenza ci ricorda che il male può emergere quando le persone voltano lo sguardo dall’ingiustizia e si rassegnano alla tirannia. È un richiamo all’importanza di difendere i valori dell’umanità, della libertà e della dignità umana.

Francesca Bazzoni

Se ti è piaciuto, leggi anche

Show Full Content
Previous È morto Philippe Leroy, figura iconica della televisione e del cinema
Next 30 anni senza Massimo Troisi e aver compreso poco di lui?
Close

NEXT STORY

Close

Liberate i pescatori, liberiamo l’informazione.

Novembre 10, 2020
Close