Ottobre 25, 2021
A ECORANDAGIO ospitiamo e formiamo i giornalisti di domani

Raffaella Carrà è stata anche un’icona italiana e della moda. Il suo nude look provocò grande scandalo nell’autunno del 1969/70, quando apparve in tv al fianco di Corrado in Canzonissima, con l’ombelico scoperto, nella sigla d’apertura. SI trattava di “Ma che musica maestro! Ma “Il mio ombelico nudo – spiegava nel 2018 la stessa Raffaella Carrà veniva fuori da un completo studiato da un costumista della Rai.”

Mia mamma mi racconta che le ragazze d’estate già giravano così, con la pancia scoperta e i pantaloni lunghi

E lei non si è mai fatta problemi a farlo vedere in tv. Era libera. Anche i ‘colpi di testa’ erano il segno della libertà dalla lacca, dalle sovrastrutture, dalla rigidità. lei era così, senza costrizioni. Una dichiarazione di ‘non colpevolezza’ per aver turbato il sonno degli italiani agli inizi degli anni Settanta, con quel balletto col pancino di fuori, in una tv ancora fortemente limitata alla censura.

Lo stile sexy divenne una tendenza nell’Italia della censura, una vera calamita per i telespettatori. Visti i soddisfacenti esiti dell’anno precedente, la Rai decise di riconfermare la stessa coppia di conduttori anche per la nuova edizione del 1971 di Canzonissima.

La star della tv dal caschetto platino che tutte copiavano, scalò ancora la hit parade con il celebre Tuca tuca

con annesso balletto-scandalo, censurato dalla Rai per via della coreografia giudicata troppo audace, con Raffa che si muoveva sinuosamente dimenando l’ombelico nudo e il caschetto platino. Dopo l’esibizione con Alberto Sordi, il ballo superò censure e polemiche, diventando un fenomeno popolare e sdoganando di fatto anche il look dell’ombelico nudo.

La moda italiana aveva consacrato la sua icona nel luglio 2018 dedicandole una mostra a Cinecittà, nel Teatro 1, curata da Fabiana Giacomotti, realizzata nell’ambito delle sfilate di Altaroma. Dalla mostra era emersa la sua eleganza maliziosa, fatta di look audaci indossati con ironia. Bianco, nero, rosso, oro, i colori preferiti, una cascata di cristalli a illuminare il sorriso innocente, un crespo speciale per fasciare i movimenti sexy.

Carrà icona italiana e icona gay

Raffaella Carrà è stata un personaggio iconico amata e celebrata secondo logiche trasversali da mondi diversi dallo spettacolo alla moda, dalla militanza gay. Tanto da essere considerata un’importante icona gay, sia per la sua immagine, sia per la sua musica, spesso utilizzata durante i gay pride e le feste LGBT tanto che Carrà ricevette il premio di “icona gay mondiale” al World Pride di Madrid nel 2017.


Del resto, “La Carrà, come disse in un’intervista il regista Pedro Almodovar non è una donna, è uno stile di vita”, ricordava la curatrice della mostra-omaggio. Per lei avevano lavorato costumisti stellati della tv e del cinema, come Enrico Rufini, Corrado Colabucci, Luca Sabatelli, Gabriele Mayer, Gabriella Pera.

Cristina Ferrari

Leggi anche:

Quaranta anni senza Rino Gaetano il cantautore che raccontò la sua morte

27 anni fa, a 27 anni, Kurt Cobain entrava nel club dei 27

40 anni senza Lennon tra Happy Xmas e guerre che non finiscono

Steve Vai: Solo un idiota proverebbe a competere con Eddie Van Halen

Show Full Content
Previous Murales in stile fascista a Roma: “Resta in piedi Italia”
Next A Los Angeles il Polittico parmense di Paolo Veneziano
Close

NEXT STORY

Close

Amore smascherato

Novembre 14, 2020
Close