Giugno 19, 2021
A ECORANDAGIO ospitiamo e formiamo i giornalisti di domani

Chi di noi, negli ultimi mesi e ancor di più nelle scorse settimane, non è stato investito dai colori, luci e suoni che pubblicizzavano la nuova piattaforma streaming della Disney? “La magia regnerà sovrana, la Forza si risveglierà e i tuoi personaggi preferiti vivranno per la prima volta insieme. Le storie più emozionanti di sempre hanno trovato finalmente la loro casa“.
Questa la frase ad effetto con cui la casa del Topolino più famoso al mondo ha ricordato quanto fosse imminente l’arrivo di Disney Plus.

Uscita in USA a novembre, ha fatto il suo debutto in Italia lo scorso 24 marzo, ed è stato subito boom di adesioni entusiastiche e cancellazione di altri abbonamenti streaming. Ma anche di centinaia di critiche su blog e forum online e proteste al Servizio Assistenza del nuovo gestore streaming. Abbiamo testato per voi il servizio, e quello che abbiamo riscontrato non sono tutte luci, colori, suoni e magia, almeno per chi si è abbonato e poi non ha potuto subito usufruire del servizio.

Nel lancio pubblicitario l’offerta promozionale era allettante: 59,99€ per i primi 12 mesi per chi sottoscriveva l’abbonamento entro il 23 marzo. Un prezzo davvero eccezionale: 5€ al mese! L’abbiamo fatto con largo anticipo ed ai primi di marzo avevamo già l’abbonamento in tasca. Ma bisognava ancora attendere per vederlo! Intanto, nell’attesa estenuante, abbiamo più volte contattato il Servizio Assistenza sia in chat che telefonicamente per chiedere chiarimenti, informazioni e, soprattutto, certezze sugli apparati sui quali era possibile usufruire della visione.

Le notizie, confermate nelle pagine informative Guardare Disney+ del portale informativo e dagli operatori dell’Assistenza erano infatti ottime per tutti gli utenti Android: è possibile riprodurre in streaming Disney+ su qualsiasi telefono Android o tablet Android che supporti OS 5.0 (Lollipop) o versione successiva. E fin qui tutto bene, perché vista la durata media di due anni di uno smartphone o di un tablet Android, quasi tutti ne avranno uno recente. Buone notizie anche per i possessori di PlayStation 4 Pro, PlayStation 4 Slim, PlayStation 4, Xbox One, Xbox One S ed Xbox One X. Le console di ultima generazione, insomma. Buone notizie anche per i clienti Apple, ma solo per chi possiede un Apple iPhone/iPod Touch o un Tablet Apple iPad, ma solo su iOS/iPadOS 11.0 e versioni successive.

Poi abbiamo scoperto, perché specificato proprio in una delle pagine informative, che Disney+ non è usufruibile su Smart TV prodotte prima del 2016. Era il nostro caso: avevamo acquistato le nostre due Smart TV alla fine del 2015! Ma era anche quello della gran parte degli Italiani, con TV non proprio di ultimissima generazione. Più di un operatore però ci ha tranquillizzati dicendoci che bastava fossero Smart TV e che comunque erano disponibili aggiornamenti per le Smart TV HD anche precedenti al 2016. Ci siamo fidati e fino al 24 marzo non ci siamo più preoccupati. Nemmeno l’app Disney+ era disponibile nel Play Store fino al 24. Ma il giorno del lancio della piattaforma è arrivata la spiacevolissima sorpresa!

Le notizie contenute sempre nella pagina Guardare Disney+ del portale non lasciavano già ben sperare per noi, ed avremmo fatto bene a credere a quelle, infatti… Le uniche TV che Disney+ supporta sono i Dispositivi TV Android , gli LG WebOS Smart TV e i Samsung Tizen Smart TV. Stop! E dunque, tutta la quasi totalità delle TV e Smart TV, anche quelle HD, Full HD e predisposte per il 4K vendute prima del 2016?

E non solo: le altre marche TV? Le Sony ad esempio. Nemmeno le Sony Bravio Oled di ultimissima generazione supportano Disney+. In una politica aziendale più che legittima, che vuole giustificare la scelta di apparati di ultima generazione per fornire un servizio video e audio di altissima qualità – così come ci è stato detto anche dagli operatori contattati il 24 marzo – non è pensabile che questa fantastica piattaforma streaming (perché lo è, inutile negarlo) possa essere guardata su moderni smartphone, tablet, computer e iPhone e non su Smart TV Full HD o 4K precedenti al 2016 – dunque con qualità video e audio di alto livello – o su Smart TV successive a questa data, ma che non sono Samsung ed LG. Qualcosa sembra non tornare!

Infatti, una soluzione c’è, ma non è a buon prezzo! Ci è stata fornita proprio dall’Assistenza Clienti Disney Plus: dotare la nostre Smart Tv di un Fire TV Stick ovvero una chiavetta che, collegata alla TV non compatibile, consente invece di poter godere dei contenuti Disney+, ma anche di altri servizi come Prime Video, Netflix, YouTube, DAZN, Infinity, RaiPlay, Apple TV e molti altri ancora. Ci attiviamo subito in rete, vista l’impossibilità di lasciare casa per l’emergenza sanitaria e scopriamo che le più pubblicizzate sono quelle di Amazon, che produce una serie di queste Fire TV Stick con telecomando vocale Alexa e che proprio una ventina di giorni fa hanno avuto l’okay per la loro funzionalità anche con Disney Plus. Ci affrettiamo ad ordinarne due, una per ognuno delle nostre Smart TV HD. 39,99€ ogni Fire TV Stick e 79,98€ la spesa totale (scegliendo la versione non 4K, che costa di più). Da aggiungere ovviamente al costo dell’abbonamento a Disney+. E nonostante l’opzione Prime la consegna delle due chiavette non avverrà prima del 1° aprile.

Viene da chiederci – e come noi se lo stanno domandando centinaia di persone che stanno affollando di commenti delusi e arrabbiati i blog di tutta italia – se non era più corretto, da parte della Disney Italia o più ancora dalla casa madre americana, predisporre una serie di aggiornamenti per i vari apparati TV ed informatici più recenti ed una serie di versioni dell’app Disney+ scaricabili anche su altre marche di TV che oggi non la supportano. Sarebbe stata sicuramente una scelta apprezzata ed apprezzabile, che avrebbe incentivato gli abbonamenti a questa nuova e ricchissima piattaforma streaming rendendola fruibile anche a chi, oggi, non ha una TV di ultimissima generazione o ce l’ha ma non è Samsung o LG o non ha voglia di spendere altri soldi per dotarsi di una Fire TV Stick.

Ora il prezzo dell’abbonamento a Disney Plus, come già preannunciato anche in prevendita, è tornato ad essere quello intero, eppur sempre convenientissimo, di 69,99€ all’anno o 6,99€ al mese. Ma vista l’offerta di film, corti, documentari, serie tv Disney, Pixar, Marvel, Star Wars e National Geographic, davvero sconfinata e straordinariamente bella, non ci sentiamo di dire che non ne valga la pena abbonarsi, anzi! Basterà prendere coscienza dei limiti, anche grandi, dovuti al numero e al tipo di apparati TV ed informatici che possono accedere a questo nuovo servizio streaming e mettere in conto una spesa aggiuntiva per adeguarli alla visone o acquistarne di nuovi.

Nel complesso, però, Disney Plus conferma, con i suoi contenuti, di essere uno streaming di livello top, in linea con la grandezza e la qualità ormai nota della casa di Topolino e farà sicuramente la gioia di grandi e piccini.

Show Full Content
Previous Un coast to coast forzato nell’anno del coronavirus
Next I soldi della Chiesa! Quanto ha versato il Papa per il coronavirus?
Close

NEXT STORY

Close

Quaranta anni senza Rino Gaetano il cantautore che raccontò la sua morte

Giugno 2, 2021
Close