Febbraio 25, 2021
A ECORANDAGIO ospitiamo e formiamo i giornalisti di domani

E’ andato in Nuova Zelanda per lavorare come operai nonostante laureato. L’ha fatto per la voglia di viaggiare, imparare e perchè in Italia non trovava lavoro. Capita così che ora Angelo Stradiotto, 28 anni l’11 giugno si ritrova solo, in Australia, con i voli cancellti il visto scaduto. In una terra straniera, in continuo contatto con la famiglia e con la farnesina che però fino a ora non da risposta.

“Vorrei tornare a casa, qui siamo in piena emergenza ed è tutto chiuso”

“Il visto scade il 31 marzo e sto finendo i soldi che ho guadagnato qui lavorando duramente. Venerdì ho il biglietto aereo per Roma con Quatar Airlines scalo Doha ma non è confermato. Ho provato a mettermi in contatto con l’ambasciata italiana in Nuova Zelanda ma è a Wellington, la capitale, a 7 ore da Auckland.”.

La famiglia ci ha informato che è stato prenotato un volo in partenza venerdì ma il volo non è confermato. Se c’è una cosa che non è accettabile è non ricevere risposte chiare.

Angelo è distante, saremo uniti? Vorrebbe stare a casa. Ci riuscirà?

#distantimaunuti #iorestoacasa #andratuttobene

Show Full Content
Previous Cos’è l’Avigan che batte il Coronavirus in Giappone? E perchè l’Aifa frena? Bufala o speranza reale?
Next Un coast to coast forzato nell’anno del coronavirus
Close

NEXT STORY

Close

Positivo al Coronavirus sputa su Belly Mujinga, bigliettaia della metro di Londra. La donna aggredita si ammala e muore di Covid 19. Ma per la polizia inglese non è reato.

Giugno 2, 2020
Close