Maggio 20, 2024
A ECORANDAGIO ospitiamo e formiamo i giornalisti di domani

Nelle recenti sfilate stilisti come Alexander Mc Queen, Miu Miu, Miuccia Prada e Balenciaga hanno ripreso la tendenza esplosa negli anni ’90 degli saggy pants. Ora declinati anche al femminile con gonne dalla vita bassissima. La caratteristica dei pantaloni saggy è il tessuto slabbrato che cadendo al di sotto dei fianchi lascia scoperte le mutande. Tutto ciò ha acceso delle polemiche su Saggy pants e l’appropriazione culturale nella moda.

Ma cosa sono gli Saggy pants e perché parliamo di appropriazione culturale nella moda?

La provenienza di questo stile è legata  alla procedura delle carceri americane di privare i detenuti delle cinture per evitare un tentativo di suicidio, assegnando loro uniformi spesso troppo larghe e cadenti (sagging), che lasciavano intravedere i boxer.

Una volta scontata la pena, molti ex detenuti decidevano di conservare l’abitudine di indossare pantaloni larghi e cadenti sui fianchi come marchio distintivo rendendosi riconoscibili tra loro anche al di fuori della galera, manifestando una estraneità alle regole di ordine civile.

Un concetto ripreso in larga parte anche da artisti della sfera hip-hop e rap come Tupac e 50cent, che si sono fatti portavoce dello  stile “gangsta rap” indossando i saggy pants.

Diffusi sempre più tra giovani a cavallo tra gli anni ’90 ed inizi 2000

Oggi gli saggy pants sono diventati oggetto di dibattito tra storici legati alla cultura afroamericana. La storica della moda Tanisha Ford docente alla City University of New York, ha infatti precisato che gli saggy pants sono riconducibili alla zoot suit largamente diffusa tra la comunità afroamericana degli anni ’30 quando i vestiti erano di seconda mano e adattati alla bene e meglio in casa.

Considerati già allora un tratto distintivo della criminalità di strada, soprattutto in una visione retorica e razzista che vedeva il binomio afroamericano/criminale.

Saggy pants e l’appropriazione culturale nella moda perché riconducibili alla zoot suits diffusa tra la comunità afroamericana degli anni '30
Two young men with low-slung, baggy jeans walk in Trenton, N.J., Saturday, Sept. 15, 2007. Wearing your pants low enough to show your boxers or bare buttocks in a small town in Louisiana could get you six months in jail and a $500 fine and Trenton is considering a law, where a first bust for low-riding trousers could soon mean an assessment by a city worker on where your life is going. (AP Photo/Mel Evans)

Negli anni i pantaloni sagging sono stati spesso demonizzati diventando addirittura oggetto di leggi ad hoc in molti stati americani che vietano l’uso dei pantaloni cadenti

Nel 2019 un ragazzo è stato crivellato di colpi da un agente perché indossava dei saggy pants vietati da un’ordinanza del 2007 dello stato della Louisiana. Il poliziotto lo aveva identificato come un criminale per il suo abbigliament. A fronte di tutto quello che questi pantaloni hanno rappresentato e possono ancora rappresentare, in molti si sono chiesti quanto la moda sia legittimata da appropriarsi di quella che è una proprietà culturale e identitaria di una determinata comunità.

La moda è una forma d’arte

Si può essere più o meno d’accordo con questa affermazione, ma è innegabile che una collezione portata sulle passerelle di New York o Milano da qualunque stilista abbia in sé elementi “visionari” e concettuali tali da poterli inserire nella sfera artistica.

E cos’è l’Arte se non plasmare la realtà secondo una visione soggettiva dell’artista?

L’artista è una persona che vive la realtà. Vede ciò che lo circonda, si interessa dei temi civili e culturali per poi rielaborarli secondo la sua sensibilità.

Il problema è che la moda è considerata una macchina da soldi. La preoccupazione è che l’attenzione verso una sfera controversa della storia della comunità afroamericana, possa trasformarsi in mera mercificazione e spettacolarizzazione di qualcosa che scava nel profondo, nell’integrazione tra bianchi e neri da sempre difficile a mai del tutto attuata, negli USA come nel resto del mondo.

Possono davvero un paio di pantaloni mettere a rischio decenni di battaglie per l’integrazione?

O già solo il fatto che sia nato questo dibattito rende possibile un dialogo tra diverse culture?

Saggy pants e l’appropriazione culturale nella moda? “Purchè se ne parli” scriveva Wilde

E se parlarne aiuta a comprendersi meglio ad entrare nel mondo dell’altro forse vale la pena spendere una cifra per dei pantaloni.

di Paola Aufiero

Leggi anche

Ecorandagio è un giornale libero e indipendente, fondato allo scopo di valorizzare i giovani comunicatori del futuro. Ci finanziamo grazie ai proventi delle nostre iniziative editoriali. Scopri la nostra casa editrice! Il Randagio edizioni. Giovanni Scafoglio
Show Full Content
Previous La Russa, Via Rasella e i partigiani. Può la seconda carica dello stato mentire così spudoratamente agli italiani?
Next Perché in Italia i media non parlano di Julian Assange? La democrazia ha paura dell’informazione?
Close

NEXT STORY

Close

L’umanità fu ad un passo dall’estinzione

Settembre 1, 2023
Close