Maggio 20, 2024
A ECORANDAGIO ospitiamo e formiamo i giornalisti di domani

Cosa distingue un’organizzazione inclusiva da una non inclusiva? Senz’altro la capacità di valorizzare le singole identità, favorendo spazi di dialogo e condivisione. Ma in assenza di un ambiente di lavoro generativo, l’inclusione cede il posto alla prevaricazione. Di conseguenza, si verificano fenomeni discriminatori. Il Gaslighting sul luogo di lavoro ne è un esempio lampante. Si tratta, infatti, di una forma di manipolazione psicologica che destabilizza le percezioni del dipendente che la subisce. Il Gaslighter è un narcisista il cui obiettivo è quello di sminuire le idee dell’Altro, fino a fargli dubitare della propria sanità mentale.

Il Gaslighting è sintomo di un’organizzazione verticale e decentrata dal cambiamento culturale

Appartenere ad un’organizzazione vuol dire sentirsi liberi di essere se stessi e di esprimere il proprio pensiero. Senza il timore di sentirsi sminuiti. Purtroppo però, esistono realtà aziendali in cui il cambiamento culturale è lontano anni luce. Parliamo di organizzazioni rigide, fondate su una gerarchia verticale piuttosto che orizzontale. Contesti che puntano ad escludere invece che includere. 

Il “dramma” di questi ambienti di lavoro è che le persone gerarchicamente “deboli” finiscono per sentirsi sbagliate. Attribuiscono a sé stessi colpe che non hanno e che derivano da un management malsano. Ma è proprio quando ci si sente disprezzati e sminuiti che bisogna scappare. L’obiettivo del gaslighter è appunto quello di mettere in crisi la stabilità mentale delle persone. Le vittime di questo fenomeno vengono sottomesse, manipolate e controllate.

Attenzione, non sempre il manipolatore svolge un ruolo manageriale. Talvolta può essere un collega dello stesso livello a mettere in crisi la propria autostima. Infatti, al di là del ruolo che ricopre, il gaslighter ha un disturbo della personalità e lo si riconosce da precisi elementi.

Quali? Egocentrismo, insicurezza, tendenza a parlare male degli altri, mania del controllo.

Apparentemente appaiono persone sicure, ma in realtà sono personalità irrisolte e mentalmente instabili. Vogliono trascinare gli altri nel loro baratro. E magari questi “altri” sono colleghi brillanti e proprio per questo temuti. 

Come si fa a riconoscere di essere vittime di Gaslighting?

Capire e convincersi di essere manipolati da un collega può risultare difficile. Anche perché il gaslighter è abile nel far credere alla vittima di essere incapace (bias di giudizio). 

Tuttavia, se si provano continui sentimenti di ansia e di inadeguatezza, è chiaro che è il contesto di lavoro ad essere il problema. Non tu. 

Sei vittima di Gaslighting sul posto di lavoro se:

-persistono feedback negativi circa il tuo operato

-ti senti spesso sminuito in pubblico

-dubiti in modo frequente delle tue idee e della percezione che hai della realtà

-i tuoi sforzi, emozioni e percezioni sono sottovalutati

-sei sovente escluso da riunioni e/o eventi.

Quando si è consci di questi segnali negativi, è importante parlarne che qualcuno possa aiutarci. Sia all’interno dell’organizzazione che fuori. Serve innanzitutto ribellarsi ai tentativi di prevaricazione e non abbassare la testa. Non c’è motivo di avere timore delle conseguenze. Perché nessuno merita di lavorare in una condizione di malessere. Quindi se non si verificano cambiamenti è meglio abbandonare determinati contesti aziendali.

“L’obiettivo di un percorso evolutivo non è la colpevolizzazione ma la consapevolezza” (Andrea Notarnicola Cociani).

Gli attuali scenari organizzativi sono orientati verso un processo di trasformazione della leadership. E in questa evoluzione è necessario avere rispetto della diversità. della pluralità delle esperienze e della molteplicità delle biografie. Il rispetto e la valorizzazione di ogni singolo individuo sono condizioni imprescindibili per realizzare spazi di lavoro sani ed equilibrati.

Insomma, il gaslighting sul posto di lavoro è inaccettabile. Così come lo sono tutti gli altri fenomeni che pongono il lavoratore in una condizione di rischio psico-sociale. 

Oggi più che mai c’è coscienza di tutti gli elementi che possono influire sul benessere delle persone. E proprio per questo bisogna reagire contro ogni forma di discriminazione e prevaricazione.

Emanuela Mostrato

Se ti è piaciuto, leggi anche:

Fondo per lo studio: un’opportunità o un limite?

L’ascesa di un’economia Power Skills

La discriminazione di genere sul posto di lavoro

Ecorandagio è un giornale libero e indipendente, fondato allo scopo di valorizzare i giovani comunicatori del futuro. Ci finanziamo grazie ai proventi delle nostre iniziative editoriali. Scopri la nostra casa editrice! Il Randagio edizioni. Giovanni Scafoglio
Show Full Content
Previous Il gesto del Dalai Lama che potrebbe aver posto la parola fine a una delle religioni e culture più antiche del mondo
Next ChatGpt consuma tanta acqua, 1 bottiglia a conversazione. E’ ecosostenibile?
Close

NEXT STORY

Close

La generazione del Covid-19

Dicembre 20, 2021
Close