Maggio 29, 2024
A ECORANDAGIO ospitiamo e formiamo i giornalisti di domani

Questo articolo lo ha scritto ChatGPT? E non è solo una semplice domanda, ma un invito a riflettere su quanto l’intelligenza artificiale stia diventando sempre più avanzata. Ma, soprattutto, della capacità di ChatGPT di creare testi coerenti e convincenti. Insomma, possiamo finalmente sostituire gli scrittori con una macchina?

ChatGPT è un modello di linguaggio naturale basato sull’intelligenza artificiale, sviluppato da OpenAI, una società di ricerca sull’intelligenza artificiale con sede a San Francisco, California. La macchina è stata creata per elaborare il linguaggio naturale in modo simile a quello umano, utilizzando la tecnologia di apprendimento automatico chiamata “trasformatori”. Lanciato per la prima volta nel 2018, il modello ChatGPT è stato aggiornato diverse volte nel corso degli anni. La versione più recente, ChatGPT-3, conta ben 175 miliardi di parametri, il che la rende uno dei modelli di linguaggio naturale più avanzati del mondo.

ChatGPT è stato addestrato per eseguire diverse attività tra cui: rispondere a domande su una vasta gamma di argomenti, come scienza, tecnologia, storia, cultura, attualità; generare descrizioni, storie, poesie; tradurre testi in diverse lingue; dare suggerimenti su salute, fitness, benessere mentale, finanza; e altro ancora. Grazie alla sua capacità di generare testi in modo autonomo e convincente, ChatGPT è utilizzato in vari campi, come la creazione di chatbot e assistenti vocali, l’analisi dei sentimenti e la traduzione automatica. Ma soprattutto, può generare una grande quantità di testi in tempi rapidi, il che è davvero utile per chi deve produrre un sacco di contenuti in poco tempo.

Anche la scrittura può diventare noiosa a volte, soprattutto quando si deve scrivere sempre sullo stesso argomento. Con ChatGPT, invece, possiamo far fare il lavoro sporco alla macchina e concentrarci su compiti più creativi e divertenti. Ma attenzione, non pensate che ChatGPT possa scrivere articoli di qualità in modo completamente autonomo. La macchina può fornire delle bozze di testo, ma sarà sempre necessario l’intervento umano per raffinare e adattare i contenuti alle esigenze del pubblico.

Detto questo, se volete sperimentare la potenza di ChatGPT, potete provare a farla scrivere su argomenti un po’ strani o complessi. Chissà, magari la macchina ci sorprenderà con un capolavoro! O forse no, ma almeno ci divertiremo a leggere i suoi stravaganti testi. Insomma, ChatGPT è una macchina molto utile e divertente, ma non dobbiamo dimenticare che la scrittura è un’arte che richiede anche la creatività e l’ingegno umano. Quindi, per tutti gli scrittori là fuori, non temete: non sarete sostituiti da una macchina (almeno non ancora!).

E ora riproponiamo la domanda: secondo voi questo articolo lo ha scritto ChatGPT? La risposta qui.

Francesca Bazzoni?

Se ti è piaciuto, leggi anche:

L’ascesa di un’economia Power Skills

LaMDA l’algoritmo di google ha un’anima?

OpenAI: una minaccia per Google?

Ecorandagio è un giornale libero e indipendente, fondato allo scopo di valorizzare i giovani comunicatori del futuro. Ci finanziamo grazie ai proventi delle nostre iniziative editoriali. Scopri la nostra casa editrice! Il Randagio edizioni. Giovanni Scafoglio
Show Full Content
Previous Putin sarà processato come i nazisti?
Next Perchè the bad guy è la serie che non ti aspetti
Close

NEXT STORY

Close

Quando Wall Street precipitò, c’era da mettersi in fila per trovare una finestra da cui lanciarsi

Ottobre 29, 2023
Close