Giugno 18, 2024
A ECORANDAGIO ospitiamo e formiamo i giornalisti di domani

Stop alla cannabis light, emendamento del governo al ddl sicurezza. ‘Vietata la coltivazione e la vendita anche con un Thc al di sotto dello 0,2%’. Il governo con un emendamento al ddl sicurezza in esame in commissione alla Camera propone di intervenire sulla legge a sostegno della filiera della canapa ad uso industriale, con quantità di Thc inferiore allo 0,2%. Con buona pace per chi ha aperto negozi, fatto investimenti e per i malati che non troveranno più i medicinali a base di cannabis se non nei mercati alternativi e a caro prezzo.

Stop del governo alla cannabis light

L’emendamento vieta la coltivazione e la vendita delle infiorescenze, anche di cannabis a basso contenuto di Thc, per usi diversi da quelli espressamente indicati nella legge stessa, e quindi quelli industriali consentiti. Il commercio o la cessione di infiorescenze viene punito con le norme del Testo Unico sulle Sostanze Stupefacenti, parificando la cannabis light a quella non light. 

Magi: ‘Una spinta repressiva e punitiva immotivata’

    “Dal governo c’è una spinta repressiva e punitiva immotivata. È drammatico, con questo emendamento il governo vuole definitivamente tagliare le gambe a migliaia di operatori del settore della cannabis light, quella a basso contenuto di Thc. Questo emendamento dice che quella light deve essere equiparata in tutto e per tutto alla cannabis con alto contenuto di Thc, nonostante quella non abbia alcun effetto drogante, proprio per le bassi percentuali di principio attivo”. Così, interpellato, all’ANSA il segretario di +Europa Riccardo Magi.

    “È un intervento pesante e sbagliato perché avrà un impatto anche dal punto di vista occupazionale su un settore che in questi anni si è sviluppato e in cui operano miglia di lavoratori – ha aggiunto Magi -. Avrà delle conseguenze drammatiche. Sarebbe servito invece un intervento chiarificatore, ma nella direzione opposta”. Ovvero avrebbero dovuto dire “che anche le infiorescenze della canapa possono essere prodotte e commercializzate a maggior ragione perché non hanno effetto drogante”.

     “Inoltre nelle democrazie più avanzate, ultima poco fa la Germania, si va verso la legalizzazione della coltivazione e del possesso anche a più alti contenuti di Thc – ha sottolineato Magi – mentre noi abbiamo un governo che sanziona e punisce anche su quella legale”.

L’avvocato Libutti: ‘Se approvato il ddl aprirà la strada ai contenziosi’

     “Così come concepito l’emendamento sembra più mosso da un pregiudizio verso la cannabis e si pone in contrasto con la giurisprudenza che riguarda la canapa industriale. Inutile dire che se dovesse essere approvato aprirà la strada a numerosi contenziosi da parte di chi opera da anni nel settore disciplinato dalla 246 del 2016 e svolge un’attività assolutamente lecita”.

    Così Giuseppe Libutti, avvocato costituzionalista che segue aziende di settore della cannabis light, interpellato sull’emendamento del governo al ddl Sicurezza.

La Redazione – Fonte Ansa

Leggi anche

Show Full Content
Previous 25 maggio: Giornata internazionale dei bambini scomparsi
Next Due studenti islamici esentati da studiare Dante
Close

NEXT STORY

Close

Murales in stile fascista a Roma: “Resta in piedi Italia”

Luglio 2, 2021
Close