Agosto 4, 2021
A ECORANDAGIO ospitiamo e formiamo i giornalisti di domani

Secondo Il capo della protezione civile, Borrelli: “Dovremo stare a casa anche l’1 maggio”. Dopo Pasqua e Pasquetta, anche il 1 maggio lo passeremo chiusi in casa? “Credo proprio di sì, non credo che passerà questa situazione per quella data. Dovremo stare in casa per molte settimane”. Dichiarazioni rilasciate a ‘Radio Anch’io’ su Rai Radio 1 ribadendo la necessità di avere “comportamenti rigorosissimi”. Il coronavirus, ha aggiunto, “cambierà il nostro approccio ai contatti umani e interpersonali, dovremo mantenere le distanze” per diverso tempo.

Il Coronavirus cambierà il nostro approccio ai contatti umani e interpersonali, dovremo mantenere le  distanze. Dovremo stare a casa anche l'1 maggio
Napoli al tempo del corona virus. Ph. Giuseppe d’Anna

Borrelli ha fornito alcune indicazioni sulla cosiddetta “fase 2” di convivenza con il coronavirus: potrebbe iniziare a metà maggio, ha spiegato, anche se al momento non c’è alcuna certezza. Il capo della Protezione civile ha ricordato che se si faranno tamponi a tappeto, indagini sierologiche e demoscopiche sulla rete di contagi, spetterà agli esperti del comitato-tecnico scientifico deciderlo. E su questo si sta già lavorando.

Borrelli: “Dovremo stare a casa anche l’1 maggio”

Il governo «ha garantito alle Regioni le risorse per i dispositivi di protezione individuale e per quelli necessari al superamento dell’emergenza», ha continuato Borrelli. In risposta a chi gli chiedeva dell’ennesimo scontro tra Governo e Regioni.

E a chi gli chiedeva se fosse necessario alla fine dell’emergenza rivedere il titolo V della Costituzione per evitare in futuro gli stessi problemi e gli stessi balletti sulle responsabilità che si stanno verificando oggi, Borrelli ha risposto che «è evidente». Sulla sanità «ci vuole una regia unitaria forte condivisa e coesa, credo che ci sarà da ripensare al modello organizzativo ma io sono un tecnico e mi limito a rispondere alle disposizioni vigenti».

La fase due però deve ripartire anche con una programmazione che tenga conto degli effetti deleteri che queste scelte stanno avendo sull’economia italiana.

Show Full Content
Previous Da Layla a Wonderful Tonight, dal principio alla fine di un amore per una musa: Pattie Boyd
Next NO GOOD TRYING
Close

NEXT STORY

Close

Parte al Teatro Brancaccio: Futuro Festival

Giugno 22, 2021
Close