Maggio 25, 2024
A ECORANDAGIO ospitiamo e formiamo i giornalisti di domani

A Milano esondato il Lambro, allagamenti e traffico. Piena anche la vasca di laminazione del Seveso. A Monza evacuati asili e scuole. I vigili del fuoco hanno eseguito ottanta interventi. A un anno dalle esondazioni che hanno devastato la Romagna, le istituzioni dimostrano di non aver imparato la lezione.

Milano Monza Romagna esondazioni

Cosa hanno in comune Milano, Monza e la Romagna? La parola Esondazioni. A causa del rischio esondazione del fiume Lambro a Monza, sono state chiusi asili e scuole nel centro città, dopo aver trasferito bambini e alunni in Comune o in altre strutture.

I piccoli dell’asilo nido ‘Centro’ sono stati accompagnati in Municipio in Piazza Trento e Trieste, i bimbi della scuola dell’infanzia Umberto presso l’Arengario, gli alunni della scuola Primaria De Amicis sono stati traferiti al Liceo Zucchi in Piazza Trento e Trieste. Chiuse anche le scuole medie Bellani e Confalonieri, così come il Centro sportivo cittadino NEI.

A Milano, dove da ieri sera la pioggia è costante, il Lambro è esondato.  I vigili del fuoco hanno eseguito ottanta interventi nell’area Milanese, dove si sono verificati allagamenti e dove, per questo, alcune linee di bus e tram sono state deviate. Venti gli interventi dei vigili del fuoco in coda. Intenso il traffico in tutta la città.

Nel quartiere lambito dal Lambro, dove strade e piazze sono allagate sono stati evacuati diversi edifici. I sommozzatori dei vigili del fuoco con il gommone hanno recuperato una signora disabile che si trovava in casa in via Rilke, dove l’acqua ha raggiunto il metro e mezzo, e doveva andare in ospedale per una visita. 

Si è riempita alle porte di Milano anche la vasca di laminazione del fiume Seveso

che è in funzione dalle 6,30. Il centro operativo comunale della Protezione civile è attivo da ieri per monitorare il livello dei fiumi e coordinare gli interventi in città dove sono al lavoro le squadre di Protezione civile e MM, anche con le idrovore, per sorvegliare la vasca e i sottopassi. Continua intanto la pioggia e il Centro Funzionale Monitoraggio Rischi Naturali della Regione Lombardia ha confermato anche per oggi l’avviso di criticità arancione (moderata) per rischio idrogeologico e rischio idraulico.

Sono numerosi gli interventi della polizia locale per la viabilità e delle squadre del verde che lavorano dove sono caduti alberi e rami. Ad essere colpito è stato soprattutto il quartiere Ponte Lambro dove il fiume Lambro è esondato. La vasca del Seveso ha evitato fino a questo momento le esondazioni nei quartieri Niguarda, Prato Centenaro e Isola ma al momento è piena e, in considerazione del fatto che fitte piogge sono previste per tutta la notte, è alto il rischio anche in questo caso di una esondazione. Dal Comune invitano a non fermarsi nelle zone dove c’è il rischio che Seveso e Lambro esondino, nei sottopassi, sotto alberi, impalcature, tende o dehors e chiedono di mettere in sicurezza su balconi e terrazze di tutti gli oggetti e vasi che possono essere spostati da pioggia e vento.

Il parco di Monza è stato chiuso per l’esondazione in più tratti

Tutti gli accessi sono interdetti tranne viale Cavriga, rimasto aperto solo al traffico veicolare. Lo ha reso noto il Comune di Monza. La protezione civile sta posizionando le barriere previste dal Piano di emergenza comunale nel centro città.

Pioggia su Milano, strade allagate nel quartiere di Pontelambro

Ed è entrata in funzione alle 6 e 30 la vasca che protegge da eventuali esondazioni del fiume Seveso i quartieri Niguarda, Pratocentario e Isola di Milano. I livelli del fiume, spiega l’assessore alla Sicurezza e Protezione civile del Comune di Milano, Marco Granelli, “sono aumentati con le piogge della notte”. “Ancora una volta quest’opera fondamentale è entrata in funzione e protegge la nostra città”.

La redazione

Leggi anche

Show Full Content
Previous Il potenziale di GPT4 legato alla fotografia
Next Tutte le novità di google in arrivo: Intelligenza Artificiale all’avanguardia
Close

NEXT STORY

Close

Con la cultura non si mangia eppure nel 2021 vale 88.6 miliardi

Settembre 17, 2022
Close